Portuali a Trieste: in azione idranti per sgomberare

I sindacati: "Sì alle legittime manifestazioni di dissenso, ma non si blocchi una maggioranza incolpevole per una minoranza"

Alcuni lavoratori portuali stanno liberando le postazioni insieme ai manifestanti che da venerdì mattina si trovavano al porto per la protesta No Green Pass. Ora sono iniziate però le operazioni di sgombero ma alcuni manifestanti resistono, ragion per cui sono stati azionati gli idranti per permettere lo sgombero.

All’arrivo della polizia, alcuni di loro hanno gridato: “La gente come noi non molla mai” e “Libertà“. I poliziotti sono scesi dai mezzi in tenuta antisommossa, prima hanno invitato il gruppo a disperdersi, poi hanno azionato gli idranti.

- Advertisement -

I sindacati: “Liberate il porto, le legittime manifestazioni di dissenso devono essere garantite, ma non possono impedire ad un porto e ad una città di continuare a generare reddito e prospettive per il futuro“, avevano affermato Cgil, Cisl e Uil.

Quelle persone che hanno dimostrato solidarietà a quei lavoratori portuali in presidio facciano un passo in avanti e liberino il porto e quei lavoratori da un peso e una responsabilità che non hanno. Non si esasperi questa situazione perché, nel rispetto di tutte le idee, chiediamo che la maggioranza non sia ostaggio di una minoranza“.

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.