Qualificazioni Mondiali: Svezia Portogallo 2-3, Ronaldo elimina Ibrahimovic.

2105465_full-lnd

A Solna la Svezia cerca il supporto del proprio pubblico per ribaltare l’1-0 a zero dell’andata e staccare così il biglietto per il mondiale brasiliano. Formazione invariata per gli scandinavi mentre il Portogallo sostituisce per infortunio Postiga con Almeida che va a sistemarsi al centro dell’attacco. Alla Friends Arena il clima non appare affatto amichevole, gli svedesi hanno deciso di lasciare aperta la copertura cercando di avvantaggiarsi del fattore climatico, temperatura vicina allo 0. La designazione di Webb è stata invece accolta entusiasticamente, vari riferimenti i riferimenti della stampa locale alla tendenza ‘attoriale’ degli avversari lusitani. La pacatezza scandinava non è di casa per una sera e già durante l’esecuzione degli inni una pioggia di fischi investe i portoghesi.

La partita è di quelle che contano, e si vede. Nei primi minuti la Svezia tenta di imporre il suo piano di gioco, ma le squadre appaiono contratte, fioccano gli errori e la qualità del gioco ne risente. La prima occasione capita agli ospiti, al 15′ su una punizione battuta dalla tre quarti Bruno Alves riesce ad impattare bene di testa, ma Isaksson si distende bene e riesce a spingere la palla in calcio d’angolo oltre il palo alla sua destra. Nei primi minuti le due stelle non brillano, Ibrahimovic cerca di partecipare alla fase costruzione degli uomini di Hamren restando lontano dalla porta, mentre Ronaldo non riceve palloni giocabili e non riesce a trovare spazio tra le maglie gialle svedesi. Negli spazi stretti i lusitani sembrano trovarsi più a loro agio e riescono ad esprimere un palleggio migliore rispetto a quello dei padroni di casa, ma la partita resta bloccata. CR7 prova a fare tutto da solo con una buona iniziativa al 35′, il suo sinistro dai 20 metri è debole e Isaksson blocca a terra. Un minuto dopo l’occasione è decisamente più ghiotta, Joao Pereira mette un ottimo pallone tagliato dalla destra, Ronaldo si fa trovare smarcato a centro-area e impatta bene di destro, pallone che sorvola di poco la traversa svedese. È un ottimo momento per il portogallo, al 39′ gli uomini di Paulo Bento sfondano a destra, ma Almeida non è bravo a mettere in rete da posizione vantaggiosa un ottimo cross di Ronaldo. La Svezia è in evidente difficoltà, prova Kallstrom a dare la scossa con un gran sinistro dalla distanza, ma al 43′ è ancora la stella del Real Madrid a poter tentare la conclusione all’interno dell’area avversaria, palla colpita male che finisce lontana dalla porta dei gialloblu. Webb manda tutti negli spogliatoi sullo 0-0. La sensazione è che il Portogallo sia in controllo, ci vuole decisamente un’altra Svezia per guadagnare il pass mondiale. Ibrahimovic si segnala solo per una conclusione imprecisa sugli sviluppi di un corner allo scadere del primo tempo.

Loading...

Hamren decide per un cambio, Svensson sostituisce Elm, fuori un centrocampista fisico per un regista. La Svezia prova a spingere e arriva subito un’occasione. Al 48′ Ibrahimovic è bravo ano mantenere vivo un pallone sulla linea di fondo e trovare Larsson al limite dell’area piccola, ottima risposta di Rui Patricio sulla conclusione ravvicinata. La risposta del Portogallo però è immediata, e questa volta letale. Ronaldo taglia dalla destra, Joao Moutinho lo pesca con un assist delizioso e il fuoriclasse di Funchal fulmina la difesa svedese, sinistro imprendibile e 64esima rete stagionale per CR7, 45 in carriera con la Seleccao. 0-1, e il gol è pesantissimo, a questo punto ai padroni di casa servirebbero tre reti per qualificarsi. La Svezia prova a reagire, ma i palloni messi in mezzo dagli esterni non sono di buona qualità e i difensori in maglia rossa fanno buona guardia. Fino al 68′, Ibra non ci sta ad andare a casa da comparsa e su un corner battuto dalla desta sovrasta Bruno Alves e di testa marca la rete del pareggio. Proteste svedesi pochi minuti dopo. Kallstrom cade in area, ma Webb vede bene e lo ammonisce per simulazione, il contatto c’è ma è nettamente cercato dal centrocampista dello Spartak Mosca. La Svezia carica a testa bassa e trova anche la rete del sorpasso, sempre con Ibrahimovich. Gran destro rasoterra su punizione dal limite, Rui Patricio si fa bucare sul suo palo e al 72′ è 2-1. Ora i gialloblu ci credono e lo stadio potrebbe diventare un fattore. Ma appena la Svezia si butta in avanti Ronaldo la punisce, due volte e sta volta sono colpi da K.O. Il fenomeno portoghese in due minuti, tra il 77′ e il 79′, si dimostra ancora una volta infallibile in campo aperto e si riprende la scena che Ibra aveva provato a rubargli. Seconda e terza rete per lui e per il Portogallo. Tripletta per una dimostrazione di forza da assoluto dominatore. Da agosto sono 37 le reti ufficiali segnate da CR7. L’uomo da Madeira va vicino almeno in un paio di occasioni anche alla quarta segnatura, ma il risultato resta invariato fino al fischio finale.

Il Portogallo si qualifica con merito, la Svezia esce sconfitta ma non umiliata. Ronaldo e Ibrahimovic hanno brillato mettendo a segno tutte e cinque le reti dell’incontro, ma la qualità complessiva dei lusitani è apparsa nettamente superiore rispetto a quella degli avversari. Anche nel confronto diretto tra i due campioni Cristiano Ronaldo ha prevalso segnando quattro reti tra andata e ritorno, e raggiungendo così Pauleta in testa alla classifica marcatori della Seleccao. Potendo disporre di quello che oggi è probabilmente il miglior giocatore su piazza e di una rosa che appare nel suo complesso abbastanza competitiva, il Portogallo si presenta al mondiale brasiliano come una compagine che intende stupire e se possibile creare dei fastidi al lotto delle favorite.

I risultati degli altri play-off di qualificazione mondiale (Europa).

ROMANIA 1(2) – GRECIA 1(4)

CROAZIA(2) ISLANDA 0(0)

FRANCIA 3(3) UCRAINA 0(2)