Quando il terrore arriva dal mare. Nuovo attentato in Tunisia

Il pericolo stavolta arriva dal mare e si mimetizza da turista in mezzo ad altri turisti per confondere le acque. Due attentatori hanno attaccato oggi i turisti sulla spiaggia di Sousse, terza città della Tunisia per importanza. Secondo quanto riportato dal Ministero dell’Interno le vittime sono circa 27, tra cui diversi stranieri, mentre i feriti sarebbero in numero di 6.

Gli attentatori hanno fatto irruzione in un Resort, composto da due Hotel, l’Himperial Marhaba e il Port el Kantaoui, arrivando da mare, su un semplicissimo gommone e vestiti di short e maglietta quando hanno aperto il fuoco con due kalashnikov sui turisti che sostavano in spiaggia. Uno dei terroristi è stato ucciso dall’intervento delle forze di polizia mentre l’altro è stato arrestato nel tentativo di fuggire. Alcune delle persone presenti in spiaggia sono riuscite a scappare e barricarsi nei rispettivi alberghi.

Loading...

In un primo momento qualcuno ha pensato che i rumori provenissero dallo scoppio di innocui petardi ma ben presto ci si è resi conto delle armi. Una madre è riuscita a stento a far uscire i propri figli dall’acqua e portarli in salvo nella propria camera.

Il Ministero dell’Interno tunisino ha fatto sapere che la maggior parte delle vittime sono di nazionalità britannica e tedesca, ma nessuno ha ancora rivendicato l’attentato seppur sia cosa nota l’ordine da parte dello Stato Islamico di intensificare gli attentati durante il mese del Ramadan.

Intanto pare che uno dei turisti scappato alla strage abbia pubblicato su Instagram le prime foto della strage. Non abbiamo comunque la certezza della veridicità delle immagini trasmesse.

Potrebbero interessarti anche