Rapimento di Silvia Romano riprende il processo in Kenya

Gli inquirenti sono sulle tracce di un quarto uomo che ha partecipato al rapimento della giovane italiana Silvia Romano avvenuta in Kenya il 20 Novembre 2018

Kenya– Riparte il processo per il rapimento di Silvia Romano avvenuto 9 mesi fa.

Parte un nuovo processo per il rapimento della giovane italiana Silvia Romano avvenuto il 20 Novembre 2018 a Chakama, vicino Malindi. Le autorità giudiziarie del luogo hanno deciso di accorpare i vari procedimenti a carico dei tre indagati: Ibrahim Adan, Abdullah Gababa WarioMoses Luwali Chembe.. Attualmente gli inquirenti sono alla ricerca di un quarto uomo Said Ibrahim la mente criminale.

Le autorità giudiziarie kenyote in un primo momento hanno fissato a Martedì  l’avvio del procedimento a carico dell’insegnante trentacinquenne di origini somale Ibrahim Adan Odan. Costui viene accusato di essere uno degli organizzatori del reato. A peggiorare la situazione dell’indagato è l’essere stato ritrovato in possesso di un’arma impiegata nel sequestro. Il giudice ha però deciso di spostare il giorno successivo l’udienza per farla coincidere con quella fissata nell’altro processo avviato a carico di Abdullah Wario e Moses Luwali Chembe .

Entrambi hanno confessato di aver partecipato nel rapimento della giovane, la situazione effettiva dei due però è poco chiara. Non è chiaro come abbia fatto Moses a ritornare in libertà pagando una cauzione molto alta, tre milioni di scellini  equivalenti a 25 mila Euro. Una cifra davvero ragguardevole per gli abitanti del luogo guadagnano mediamente 1000 euro al mese.

Sulla strada del quarto uomo e dell’ideatore del rapimento

I testimoni che dovranno essere ascoltati nelle aule giudiziarie sono ben 17, inoltre da fonti certe si sa che gli inquirenti kenyoti sono sulle tracce di un quarto uomo che ha partecipato al rapimento di Silvia Romano.  Il quarto uomo si chiama Said Ibrahim. secondo l’accusa costui sarebbe la mente criminale, il vero regista del rapimento. Anche se si sta aprendo una nuova strada, ovvero, l’ideatore del piano non sarebbero stati questi 4 bensì un diverso soggetto ancora ignoto. La difficoltà nel ricercare l’identità di tale soggetto sarebbero le sue amicizie di alto rango.

Leggi anche: Salerno: muore 12 enne durante il ricovero in ospedale

Potrebbero interessarti anche