Rimini, accoltella 5 persone sul bus: ferito un bimbo ecco le sue condizioni

Un uomo di origini somale ha aggredito 5 persone dopo che gli era stato chiesto di mostrare il biglietto su un bus

Gli era stato chiesto di mostrare il biglietto, e così ha aggredito le due addette con un coltello. E’ accaduto nel tardo pomeriggio di ieri, sulla linea 1 degli autobus di Rimini, in zona Miramare. Ora l’uomo, di origine somala, si trova in stato di fermo.

Qualche mese fa aveva presentato domanda per lo status di rifugiato.

- Advertisement -

Dopo avere aggredito le due donne, l’uomo si è dato alla fuga e ha ferito altre tre persone, tra cui un bambino, che è stato trasportato d’urgenza in ospedale per delle ferite alla gola.

Aggiornamento sulle condizioni del bambino ferito

Come riporta tgcom24 il bambino di sei anni è grave ma sarebbe fuori pericolo. Il bambino accoltellato alla giugulare di origine bangladese, è ricoverato all’Ospedale Infermi, dove è stato operato nella notte. Si trova in Rianimazione, rimane in prognosi riservata ma non sarebbe in pericolo di vita.

- Advertisement -

L’uomo è stato rintracciato poco dopo l’accaduto ed è stato fermato, esclusa al momento la pista terroristica poiché l’uomo non ha alcuni precedenti a riguardo.

In precedenza, come riporta ANSA, era stato ospite di alcune strutture della Croce Rossa e aveva manifestato atteggiamenti violenti. La ditta di trasporto Start ha messo a disposizione delle forze dell’ordine le immagini del circuito di sicurezza per verificare quanto accaduto. Il presidente di Start Romagna Roberto Sacchetti ha affermato che : “a nome, della società, la solidarietà alle persone coinvolte, augurando una rapida guarigione e un ringraziamento alle forze dell’ordine che hanno agito in maniera tempestiva procedendo all’arresto dell’aggressore”.

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.