Roma, neonato di 4 mesi picchiato brutalmente dal compagno della madre

neonato

Altro orrore nella capitale romana, perpetrato ai danni di un neonato di 4 mesi, il quale è stato picchiato brutalmente. Dopo la notizia del macabro ritrovamento della madre marocchina che ha ucciso i suoi figli, un uomo di 18 anni di nazionalità spagnola è stato arrestato, nella giornata di martedì, per aver massacrato di botte un neonato di soli 4 mesi. L’uomo sarebbe il compagno della madre del neonato. Il piccolo ha riportato lesioni gravi, e fratture multiple. Le forze dell’ordine di Roma lo hanno arrestato con un accusa pesante, tentato omicidio del figlio della compagna 22 enne di nazionalità colombiana. L’uomo avrebbe picchiato brutalmente il neonato accanendosi sul suo corpicino.

Dinamica della vicenda
La mamma del neonato, una ragazza colombiana di 22 anni,  il 20 ottobre scorso chiamò il 113 in preda al panico, chiedendo aiuto per il suo bambino, ricoverato di urgenza all’ospedale Bambin Gesù, in seguito a varie fratture ed ecchimosi sul corpo. I poliziotti del commissariato di Trastevere sono intervenuti immediatamente, aprendo un filone di indagini, coordinate dalla Procura del Tribunale dei Minori di Roma. Grazie all’acquisizione dei messaggi telefonici tra l’uomo e la madre del bambino, il giovane è stato arrestato. Nei testi dei messaggi l’uomo chiedeva perdono alla madre del bambino per aver picchiato brutalmente il piccolo.

Loading...

Lo spagnolo è stato intercettato, dalle forze dell’ordine a casa della madre, mentre cercava di dileguarsi, dopo aver preparato una valigia. Ha raccontato agli inquirenti che nella notte del 20 ottobre si trovava in un parco, e di non sapere le ragioni del suo folle gesto.

Potrebbero interessarti anche