Sanremo 2020, Amadeus: “Sarà il Festival di tutti!”

Amadeus rivela nella prima conferenza stampa di Sanremo 2020 che sarà il festival di tutti, è stato pensato per accontentare tutti

amadeus

Meno di un mese dall’inizio del Festival di Sanremo 2020 e Amadeus presenta parte della sua squadra nella prima conferenza stampa ufficiale della kermesse più popolare della musica e della tv italiana. Nonostante le fasi storiche, gli apprezzamenti e e le considerazioni negative passate Sanremo resta sempre un evento della tradizione popolare del nostro paese, unisce dal nord al sud e isole e gli italiani non ne potrebbero fare a meno.

L’idea di Amadeus è quella di fare un festival per tutti, guardando al passato ma tenendo conto anche del presente e del futuro.

Amadeus rivela di non essere agitato, ma emozionato il teatro dell’Ariston è il sogno di ogni conduttore italiano e lui sta realizzando le aspettative che ha sempre avuto, sin da quando ha iniziato a fare questo mestiere. Il conduttore ha poi spiegato la scelta bizzarra di scegliere 10 donne: “Ma perché ci devono essere soltanto due donne? Ci possono essere tante donne che raccontano la propria esperienza, il proprio vissuto. Così, sono andato a invitare amiche, persone che stimo o che mi incuriosiscono.

Sanremo 2020, Amadeus: “Rula Jebreal? Non è stata una scelta politica”

Amadeus ha poi puntualizzato sul perchè ha deciso d’invitare la giornalista Rula Jebreal, la sua non è stata affatto una scelta politica ha solo pensato che fosse una donna con un’esperienza di violenza alle spalle, ed era la persona giusta per rappresentare un dramma comune come quello sulla tutela delle donne: “Quando ho incontrato Rula, ho incontrato una donna, una giornalista autorevole. Solo quello, qualcosa che fosse forte come messaggio per le donne. Nessuna appartenenza politica.