Sciopero nazionale dei supermercati alla vigilia di Pasqua

Per la giornata odierna, 30 marzo, alla vigilia di Pasqua è stato indetto uno sciopero di 24 ore dei supermercati per protestare contro il rinnovo del contratto

Stavolta si è deciso di amplificare i disagi scegliendo proprio la giornata odierna per lo sciopero di 24 ore dei lavoratori di molti supermercati anche se siamo alla vigilia di Pasqua.

L’agitazione porta le firme delle sigle sindacali Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs.

- Advertisement -

La ragione è principalmente la rottura del tavolo di trattative che, per l’ennesima volta, non ha portato a siglare gli accordi necessari per il rinnovo del contratto di categoria che è scaduto dal 2019.

Sono circa 240mila i lavoratori di Federdistribuzione in stand by da circa cinque anni.

- Advertisement -

I sindacati hanno dunque organizzato questo sciopero nazionale durante il quale i lavoratori incroceranno le braccia per l’intero turno. La scelta della data di attuazione di questo sciopero, che i sindacati stimano avrà un’adesione intorno all’80-85%, è caduta sulla giornata odierna appositamente allo scopo di estremizzare la situazione di disagio nella giornata che precede la Pasqua.

Federdistribuzione si è espressa in merito dichiarando che giudica eccessiva e irresponsabile la risposta dei sindacati che hanno indetto uno sciopero in una data così sensibile.

- Advertisement -

Per quanto riguarda Torino, dove sono circa 8mila i lavoratori interessati che potrebbero aderire allo sciopero, si è stabilito che copriranno i turni i caporeparto e i direttori in mancanza dei dipendenti. Si sta valutando di contingentare gli ingressi dei clienti in quanto nelle prossime ore ci si aspetta una maggiore affluenza di gente, come sempre, per gli acquisti dell’ultimo momento.