Serie A: stasera i posticipi

download

 

Si completerà questa sera l’ultimo turno di campionato con due sfide che si preannunciano divertenti e che tanto influiranno sugli scenari futuri della nostra Serie A. Se all’Olimpico saranno di scena infatti due serie candidate ad insidiare il terzo posto occupato attualmente dal Napoli, allo Juventus Stadium potremmo assistere, in caso di vittoria dei bianconeri, all’ultimo e decisivo allungo della squadra di Allegri nei confronti della Roma; in caso di successo infatti i torinesi aumenterebbero il loro distacco dagli inseguitori a 11 punti e metterebbero una seria e probabilmente definitiva ipoteca sulla conquista dello scudetto.

Loading...

Le prime a scendere in campo saranno però Lazio e Fiorentina. All’Olimpico si affronteranno due delle squadre più in forma del campionato. Entrambe hanno il terzo posto nel mirino e sono reduci da ottime prestazioni, sia in termini di risultati che di gioco. I biancocelesti di Pioli sono alla ricerca della quarta vittoria consecutiva in campionato e nell’ultimo turno hanno conquistato i tre punti sul difficile campo di Sassuolo con uno schiacciante 3 a 0. La Fiorentina di Montella ha invece superato l’Inter a San Siro domenica scorsa ed ancora in piena corsa in tutte e tre le competizioni che la vedevano impegnata; coppa italia, europa league e corsa al terzo posto renderanno sicuramente avvincente e ricco di impegni il finale di stagione dei viola. Viola che, anche a causa di un calendario fittissimo in virtù dei tre impegni da fronteggiare settimanalmente, si presenteranno al decisivo scontro diretto di questa sera con qualche indisponibile e numerosi acciaccati, ma anche con una rosa ampia in grado di fornire a Montella una squadra sempre competitiva. Il tecnico partenopeo si affiderà perciò a Neto in porta, a una linea a quattro formata da Tomovic e Pasqual sulle corsie con Savic e Rodriguez schierati come difensori centrali, e a un centrocampo a tre che prevederà Badelj come mediano e ai cui lati agiranno Kurtic e Mati Fernandez. In attacco resterà probabilmente fuori Gilardino, nonostante le assenze per infortunio di Gomez e Babacar, vista l’intensione di Montella di schierare un tridente veloce che non dia punti di riferimento agli avversari e che troverà in Ilicic, Diamanti e Salah i perfetti interpreti. Discorso diverso per Pioli che potrà invece contare praticamente sulla rosa al completo, eccezion fatta per lo squalificato Parolo. Il tecnico biancoceleste schiererà, davanti a Marchetti, Basta, De Vrij, Mauricio e Radu in difesa, con Cataldi, Biglia e Onazi in mezzo e il tridente Felipe Anderson, Candreva e Klose in attacco.

Alle 21 spazio a Juventus-Sassuolo. Inutile sottolineare che si tratta di una gara decisiva per la squadra di Allegri. Una gara all’apparenza semplice ma che potrebbe riservare sorprese inaspettate e strascichi pericolosi. In caso di vittoria e di prestazione soddisfacente infatti, i bianconeri potrebbero certo mettere una seria ipoteca sullo scudetto, ma anche garantirsi un approccio ideale alla sempre più prossima sfida di ritorno degli ottavi di finale di Champions League contro il Borussia. Vincere stasera potrebbe consentire ai bianconeri di gestire i prossimi impegni di campionato in modo da concentrare tutte le energie nel passaggio del turno in Europa. L’importanza della gara ci permetterà di ammirare la Juventus in tutta la sua forza e con tutti i suoi interpreti principali in campo dal primo minuto: davanti a Buffon ci saranno Lichtsteiner, Bonucci, Chiellini ed Evra in difesa, Vidal, Marchisio, Pogba e Pereyra in mezzo e Tevez e  Morata in attacco. Il Sassuolo di Di Francesco non intende tuttavia presentarsi al cospetto della Vecchia Signora in veste di vittima sacrificale: la squadra emiliana scenderà in campo come sempre in maniera propositiva cercando di mettere in mostra le proprie qualità. Anche il Sassuolo può contare su interpreti di tutto rispetto e sicura affidabilità come gli esperti Magnanelli e Acerbi e su un gioco frizzante e offensivo al servizio del tridente d’attacco Sansone, Zaza, Berardi. Gli elementi per una gara importante e decisiva ci sono tutti, non resta che godersi lo spettacolo.