Serie A Tim: Vittorie per Juventus e Roma, frena il Napoli

serie a

Nella quarta giornata di campionato di Serie A (turno infrasettimanale), Juventus e Roma non falliscono l’appuntamento con la vittoria, portandosi in testa alla classifica a quota 12 punti. I bianconeri si sbarazzano con disinvoltura del Cesena, che mai ha impensierito gli uomini di Allegri. Ottime le prestazioni di Vidal e di Giovinco, titolare al posto di Tevez, lasciato in panchina per preservarne la forma fisica in vista del prossimo impegno di Champions League.

I giallorossi, invece, ottengono i tre punti grazie ad una prodezza balistica di Pjanic, definito da Garcia al termine del match: “Un Genio!”. I capitolini, guidati da un sontuoso Totti, che ha ricevuto la standing ovation del Tardini, hanno sofferto contro gli uomini di Donadoni, che si sono dovuti arrendere alla punizione del bosniaco, a soli tre minuti dal termine della gara.

Loading...

Al terzo posto in classifica, troviamo l’Inter di Mazzarri che vince e convince contro l’Atalanta, grazie ad una prodezza di Osvaldo e al gol su punizione di Hernanes. Per i neroazzurri un risultato importante che li candida seriamente ad essere la terza potenza di questo campionato.

Discorso opposto per il Napoli di Benitez, nobile decaduta, già distante 8 punti dalle prime due in classifica. I partenopei sembrano aver perso lo smalto degli anni passati ed il turnover del tecnico spagnolo non giova di certo alla squadra. De Laurentiis per ora tace, ma le prossime partite potranno essere un ottimo banco di prova per verificare le reali potenzialità della squadra azzurra.

Grande campionato, fino ad ora invece, per la Sampdoria ed il Verona, a ridosso delle prime della classe con 8 punti in classifica. Gli uomini di Mihajlović sembrano aver trovato la compattezza giusta e gli innesti di Romagnoli in difesa ed Okaka in avanti sembrano esaltare ancora di più il modulo del tecnico serbo. Il Verona, invece, nonostante le cessioni illustri di Iturbe e Jorginho, non sembra aver subito ridimensionamenti e le buone prestazioni fornite fino ad ora ne sono una conferma.

Prima vittoria del Torino con gol decisivo di Quagliarella, idolo della curva Maratona, mentre ennessimo pareggio per il Palermo, grazie alla doppietta di Belotti, giovane attaccante di cui sentiremo parlare nei prossimi anni e già punto fisso della nazionale Under 21.

Discorso a parte, invece, merita il Cagliari di Zeman, che continua a stentare nonostante buone prestazioni. Il presidente Giulini non sembra stia pensando ad un avvicendamento ma senz’altro la classificia deficitaria non è un buon segnale per la panchina del boemo.

Questa sera, infine, chiuderà il programma della giornata l’incontro tra Lazio ed Udinese, con i capitolini pronti a riscattare la brutta sconfitta di Genoa, mentre dall’altra parte i bianconeri di Stramaccioni faranno di tutto pur di replicare l’importante vittoria rimediata neanche tre giorni fa contro il Napoli di Benitez.