Studente scomparso da Riva del Garda, ritrovato il cadavere nelle acque del lago

Era scomparso lo scorso 16 febbraio.

Il corpo senza vita di Marco Boni, lo studente sedicenne di Tione, scomparso il mese scorso, è stato ritrovato questa mattina dai sommozzatori della Polizia di Stato, sul fondo del lago di Garda, a 24 metri di profondità.

Venerdì 16 febbraio, giorno della sua scomparsa, alcune telecamere di sorveglianza avevano ripreso il giovane, intorno alle quindici, mentre saliva il tratto iniziale della strada panoramica di Ponale, che costeggia il lago di Garda. Strada da tempo chiusa al traffico, sulla quale Marco avrebbe incontrato un uomo, che, interrogato dalla Polizia, ha confermato di aver visto il ragazzo e di aver scambiato qualche parola con lui.
Il cellulare dello studente si sarebbe spento qualche minuto dopo aver imboccato quella strada, restando però agganciato alla cella locale.

Da sempre, esclusa dagli inquirenti l’ipotesi del suicidio, la tesi più avvalorata resta quella di una caduta accidentale.

Loading...
Potrebbero interessarti anche