Tennis: Nadal è pronto a tornare dopo l’infortunio.

nadal-infortunio-2014-600x372

Dopo l’infortunio al polso, Rafael Nadal torna a calcare i campi da tennis. Shangai e Berlino saranno i primi appuntamenti del maiorchino.

Rafa Nadal is back.

La storia del tennis contemporaneo ci insegna che non bisogna mai dare un campione per finito. Roger Federer ce ne ha data un’ennesima ed ulteriore conferma quest’anno, siglando una straordinaria stagione ai massimi livelli, centrando due semifinali e una finale slam. Parlando di Roger, non si può non parlare di Rafa dal momento che nelle loro solide mani è finito l’85% dei tornei slam dal 2004 a oggi.

Nadal ha avuto uno stop difficile da gestire. Il maiorchino ha avuto un problema al polso che lo ha fermato nella stagione americana, saltando Cincinnati e Toronto come annunciato e rinunciando all’ultimo anche agli US Open. La mancanza del tennista di Manacor si è sentita subito e ha spianato la strada all’eterno rivale, Federer, che sta insidiando il suo secondo posto e anche ad un inatteso duo di finalisti: Nishikori e Cilic. Non si fa la storia con i “se” o con i “ma”, tuttavia con il maiorchino la storia sarebbe stata diversa. Ma non si sa.

Loading...

Nadal è mancato sia al circuito, desideroso di rivedere la sua potenza e la sua capacità di attirare pubblico televisivo e non, sia, e forse ancora di più, alla nazionale spagnola in Coppa Davis. Ma entrambi possono rilassarsi perché Nadal è pronto a tornare.

Lo zio Toni, suo mentore e allenatore, ha annunciato il ritorno del campione: “Rafa può colpire il rovescio all’80% delle sue possibilità, ma sarà presente per l’esibizione ad Astana, poi andremo a Pechino e Shanghai”.

Una notizia che fa tornare il sorriso sul volto dei vertici ATP fieri del ritorno della stella spagnola che ad Astana affronterà Jo-Wilfried Tsonga, in un match di esibizione. Poi Nadal avrà subito un impegno importante: la difesa del titolo a Pechino. A Shangai il livello si alza ancora di più, in quanto tutti i big saranno presenti e, nonostante Rafa sia già parte della master cup di Londra, tutti vorranno aggiudicarsela.

Una domanda ora sorge spontanea. Come sarà il ritorno del re? Questo lungo stop lo ha aiutato nell’affrontare la stagione indoor? La risposta esatta non esiste. I campioni come Nadal non sono facili da leggere e si divertono a invertire la logica sequenza degli eventi. Tentando di avventurarsi nelle Termopili della questione, potremmo sottolineare alcuni dati di fatto. Nadal non è particolarmente adatto al gioco sul veloce indoor. Ha sempre raccolto poco in carriera, poco si intende se paragonato agli incredibili risultati sulla terra. Va detto, tuttavia, che Nadal è quasi sempre arrivato spremuto da una stagione logorante e giocata al massimo, arrivando puntualmente alla finale a quasi tutti, se non tutti, i tornei giocati. Verosimilmente, Rafa si è riposato e le sue possenti gambe e delicate ginocchia ne hanno tratto un giovamento. In sintesi, sottostimare Nadal come appena tornato da un infortunio, sarebbe un errore. La speranza è quella di vedere ancora una volta una finale tra Roger e Rafa. La speranza di chi scrive è ben diversa da quella di Mats Wilander che si augura che i due campioni si ritirino assieme.

Per maggiori informazioni sulla carriera di Rafael Nadal: http://www.atpworldtour.com/Tennis/Players/Top-Players/Rafael-Nadal.aspx

 

Potrebbero interessarti anche