Tornare a scuola in sicurezza: come saranno gestiti la mensa e i pasti a scuola

ecco come mangeranno gli alunni a scuola dopo il gran ritorno di settembre

photocredit: pixabay

A Settembre è previsto il ritorno a scuola, in molti erano scettici sull’apertura degli istituti scolastici a causa del Covid-19 ma ad oggi il gran ritorno è confermato dal Ministero dell’istruzione. Per prevenire i contagi in questi mesi migliaia operatori sono al lavoro per confezionare un’offerta formativa completa e sicura. Un tema fondamentale è sicuramente quello della ristorazione scolastica, l’igiene è fondamentale per prevenire le infezioni. Pare che lo spazio e il cibo delle mense scolastico cambierà notevolmente. 

Le soluzioni proposte da CIRFOOD

Il direttore d’area di CIRFOOD su cinque province (Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Cremona, Mantova) Rossella Soncini, è al lavoro per la fornitura del servizio di rifinitura scolastica in stretta collaborazione con il MIUR. Le priorità del servizio sono molto chiare: tutti i direttori degli istituti scolastici sono responsabili di garantire la sicurezza all’interno delle mura scolastiche. Ovvero di far rispettare agli alunni le regole di sicurezza basilari come distanziamento sociale minimo ( un metro e mezzo) e rispetto delle norme igienico sanitarie. Tutto ciò è fondamentale per garantire una riapertura delle scuole in tutta sicurezza. 

Doppi turni in mensa

Qualora sia possibile servire i pasti a mensa, sempre se lo spazio sia sufficiente, è fondamentale far entrare gli alunni a scaglioni. Così è possibile evitare assembramenti e inutili rischi di contagio. Ad esempio una parte degli alunni potrà consumare il pasto dalle ore 12.30 mentre la seconda parte dalle ore 13.10 o 13 e 15. Così è possibile per il personale delle mense di sanificare la struttura per permettere il secondo scaglione di alunni di mangiare. 

Pranzo in aula 

Un’altra possibile soluzione individuata da Rossella Soncini è somministrare il pranzo direttamente in aula. Il direttore di CIRFOOD intervistata dal “Il Giornale del Cibo” precisa:”La valutazione viene fatta caso per caso, ci tengo a sottolinearlo, e sempre insieme alle direzioni didattiche per garantire un servizio che sia, contemporaneamente, sicuro dal punto di vista sanitario e rassicurante per i bambini.” Prima di introdurre il cibo nelle aule sarà fondamentale procedere con la sanificazione dei banchi e inviare gli alunni ad andare in bagno per sciacquarsi le mani