CronacaTraffico internazionale di stupefacenti e riciclaggio: 28 arresti

Traffico internazionale di stupefacenti e riciclaggio: 28 arresti

La Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli ha identificato i trafficanti grazie alla collaborazione con l'Europol e con altre squadre investigative oltrealpe

VUOI RICEVERE GRATUITAMENTE NOTIZIE DI CRONACA?
ISCRIVITI AL NOSTRO GRUPPO

Il G.I.P. del Tribunale di Napoli ha emesso un’ordinanza di applicazione di misure cautelari a carico di 28 persone, accusate di partecipazione in associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti e al riciclaggio di denaro sporco.

Le indagini hanno rivelato l’operatività di un sodalizio criminale con base nel napoletano che introduceva nel belpaese ingenti quantitativi di cocaina.

Lo stupefacente proveniva dal Sud America. Dopo essere stato scaricato, veniva trasportato via gomma in depositi siti in Campania, Calabria, Emilia Romagna e Lazio. Da lì veniva prelevato un grosso quantitativo, trasportato via mare verso i principali porti europei. Il sodalizio contava con il supporto di diversi trafficanti di primissimo livello che operavano a Rotterdam, Anversa e Dublino.

Utilizzavano sistemi di comunicazione crittografata

Gli indagati avevano sodali attivi in quasi tutte le regioni italiane; intrattenevano rapporti stabili con i clan camorristici di tutto il napoletano e con organizzazioni mafiose ubicate in Calabria. Parlavano tra di loro con sistemi di comunicazione crittografata.

Grazie alla collaborazione con una squadra investigativa franco-olandese-belga, con l’Agenzia Europol e con l’Autorità Giudiziaria francese e olandese, gli investigatori hanno potuto identificare i trafficanti e scoprire l’identità dei complici che gestivano i proventi della vendita della cocaina sul mercato nero.