Tranquillo Cremona e la Scapigliatura a Pavia

locandina-scapigliatura

Tranquillo Cremona era nato a Pavia nell’800 e si era formato alla Scuola Civica di Pittura cittadina: fu lui l‘iniziatore della nuova corrente della Sapigliatura, a cui è stata dedicata la mostra “Tranquillo Cremona e la Scapigliatura” presso le Scuderie del Castello Visconteo, aperta fino al 5 giugno 2016. L’esposizione era già stata allestita nel 1938 e inaugurata dal re Vittorio Emanuele III.

La Scapigliatura, quindi, nacque nella seconda metà dell’800, grazie ad un gruppo di intellettuali uniti da idee anticonformiste e ribelli contro le regole sociali dell’epoca. Il loro spirito si diffuse dalla letteratura a tutte le  branche culturali, tra Ottocento e inizio Novecento,coinvolgendo così tutte le arti. La mostra così si articola in un percorso tra pittura, scultura, letteratura e musica, rappresentate in cinquanta opere dagli artisti più noti: fu una vera  rivoluzione in campo sia artistico che morale e politico.

Loading...

04-Tranquillo-Cremona

Il termine “scapigliatura“,una libera traduzione dal francese “boheme”, comparve per la prima volta nel testo “La Scapigliatura e il 6 febbraio del 1862”, un testo misto di riflessioni e narrazioni dello scrittore Cletto Arrighi. Siamo nella Milano dopo l’Unità,gli ideali romantici cominciano ad essere superati, come rivela la corrente del Decadentismo, una visione meno incantata della realtà, che rispecchia i nuovi problemi del neo-stato italiano.

1252309631-scapigliatura_0

Tra gli artisti più famosi, oltre a Cremona, si trovano anche Daniele Ranzoni e Luigi Conconi. Durante la visita della mostra la voce dello stesso Tranquillo Cremona racconta gli ideali culturali della sua epoca, la vita, le opere, i tratti dei suoi compagni. E’ una vera narrazione, non solo pittorica, ma anche letteraria.

scapigliatura_pavia_1

Tra le opere, alle due dame appena sfumate  del manifesto che la presenta, si contrappone il viso ben definito della bimba con cappello, sullo sfondo del mare azzurro. Molti sono i ritratti di donne, prevalentemente dell’alta società, raffinate ed evanescenti,ma molto più indipendenti e rivolte al futuro rispetto alle loro nonne, sia negli atteggiamenti che nell’abbigliamento,dagli sguardi talvolta dolci, talaltra fieri, come il  magnifico ritratto della signora bionda…

01_Tranquillo-Cremona_Ritratto-di-Nicola-Massa

Incantevole è la tensione d’amore nello sguardo della mamma verso la sua piccola bimba biondaL’amore viene rappresentato anche in modo spesso drammatico, – emblematici gli innamorati che si baciano attraverso le sbarre-mentre in uno dei rari ritratti maschili, Tranquillo Cremona ci guarda profondamente serio e forse con una punta di spregiudicatezza…

Grazia Paganuzzi