Uccisa per errore durante festa di capodanno: arrestato il nipote

L'arma del delitto è stata occultata dopo la tragedia

Una festa di capodanno che si è trasformata in tragedia per una donna di Afragola e la sua famiglia. La 55enne, è stata colpita all’interno della sua abitazione nella notte di San Silvestro. Secondo gli ultimi accertamenti a esplodere il colpo di pistola è stato il nipote della vittima che ha ucciso la zia durante i festeggiamenti di Capodanno.

Una tragedia, dunque, terminata con i carabinieri che hanno trattenuto il 47enne per omicidio colposo, porto abusivo di arma in luogo pubblico e ricettazione. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, l’uomo, mentre maneggiava la pistola avrebbe accidentalmente fatto partire un colpo di arma da fuoco colpendo alla testa la vittima.

- Advertisement -

La 55enne è morta dopo essere stata ricoverata d’urgenza all’ospedale Cardarelli. Subito dopo il tragico incidente l’arma del delitto è stata occultata, ma i militari dell’arma l’hanno rinvenuta successivamente nei pressi del cimitero di Afragola: era stata occultata tra le sterpaglie. 

Inoltre durante le perquisizioni seguite all’omicidio è stato anche rinvenuto più di un chilo di esplosivi artigianali, nascosti all’interno dell’abitazione, detenuti illegalmente da un 48enne, amico dell’indagato, che è stato arrestato dai militari della Stazione di Afragola.

- Advertisement -

Il nipote della vittima si è giustificato con i carabinieri dicendo che credeva che la pistola fosse scarica e per quello aveva iniziato a maneggiarla all’interno dell’abitazione.