Un bicchiere di vino al giorno per vivere più a lungo. Un nuovo studio scientifico

Un bicchiere di vino al giorno fa bene alla salute, ecco perchè

Il consumo eccessivo di alcool, come gli esperti hanno più volte sottolineato, porta a problemi di salute anche gravi. Tuttavia, un bicchiere di vino al giorno non può che fare bene, e lo sanno bene i fautori della dieta mediterranea che ne consigliano l’assunzione, moderatamente.

Ciò sembrerebbe inoltre confermato da un nuovo studio dell’UCL. In effetti, parrebbe che un composto presente nel vino rosso potrebbe aiutare ad avere una vita più lunga e più sana.

- Advertisement -

Il composto in questione è il resveratrolo, oggetto di studi da molto tempo da parte degli scienziati che si occupano di invecchiamento. Inizialmente, si riteneva la sua efficacia collegata al fatto che si trattasse di un antiossidante. Attualmente, invece, il fatto che gli antiossidanti riescano a rallentare l’invecchiamento è stato in parte smentito; tuttavia il resveratrolo è ancora molto studiato.

In realtà, questo composto riuscirebbe ad imitare un ormone estrogeno, l’estradiolo, attivando delle cellule in grado di riparare i danni correlati all’avanzare dell’età. Inoltre, livelli adeguati di estrogeni sono necessari per prevenire problematiche come il diabete di tipo 2, le malattie cardiache, l’osteoporosi, infiammazioni, sindrome metabolica.

- Advertisement -

Attenzione a non abusarne

Nella ricerca condotta dal team di scienziati, è stato appurato che il dosaggio eccessivo di resveratrolo, al contrario, provoca la condizione opposta, ed è in grado di velocizzare il processo di invecchiamento.

Per le donne post menopausa ha un effetto benefico

Il dott. Henry Bayele, autore dello studio, ha inoltre spiegato: “un consumo moderato di vino rosso come parte di una dieta sana potrebbe essere in grado di fornire i benefici degli estrogeni. Ciò si applicherebbe sia agli uomini che alle donne di tutte le età, ma le donne in post-menopausa possono avvertire maggiormente questi benefici perché hanno riserve di estrogeni inferiori rispetto agli uomini di età simile.