Uomini e Donne, Carlo Pietropoli una vera “testa di cavolo”

Carlo Pietropoli neo tronista di Uomini e Donne si è raccontato nel magazine ufficiale del programma, si è definito una testa di cavolo

Carlo Pietropoli è l’ultimo arrivato dei tronisti di Uomini e Donne, il ragazzo che nella vita fa il barman è pieno di entusiasmo e si vuole godere questa esperienza ma soprattutto deve dimostrare d’essere una persona vera e spontanea. Carlo si è raccontato al magazine di Uomini e Donne, un’intervista dove prova a far conoscere qualcosa in più di se rispetto a quello che si è visto fino ad ora. Il barman di definisce una “testa di cavolo” perchè non ama le mezze misure e alcuni suoi comportamenti possono essere definiti arroganti e in questo si sente molto simile a Giulio Raselli suo collega di trono.

Carlo ama la vita, ama divertirsi e anche se può sembrare superficiale in realtà è una persona molto responsabile:” Mi piace vivere la vita con il sorriso, quindi amo ridere e scherzare, ma non sono un pagliaccio. Il mio essere leggero non va in contrasto con la mia parte più seria. Di fronte alle sfide che la vita mi ha posto, infatti, non mi sono mai tirato indietro e mi ritengo una persona responsabile. In passato ho fatto delle scelte che probabilmente altre persone non avrebbero fatto.

- Advertisement -

Uomini e Donne, Carlo Pietropoli: “Cerco una donna ambiziosa, che mi tenga testa”

Carlo Pietropoli ha spiegato a Uomini e Donne magazine che cerca una donna ambiziosa che sappia tenergli testa, è pronto per una relazione seria visto che è single da 6 mesi e spera che il trono nel programma pomeridiano di Maria de Filippi sia un’opportunità per conoscere una bella persona che possa conquistarlo.

Il barman ha poi parlato dei suoi ex amori, e dagli aspetti che li hanno caratterizzati: “Ho avuto un passato sentimentale movimentato: sono quasi sempre stato fidanzato. Sono state tre le storie importanti della mia vita: la prima è durata quasi quattro anni, la seconda due e mezzo e l’ultima quasi un anno e mezzo. La prima è stato il classico primo amore: ero giovane e probabilmente ancora non capivo tante cose. La seconda relazione è stata forse la più importante, perché mi ha lasciato delle emozioni che a oggi credo di non essere mai più riuscito a provare. L’ultima storia era un amore diverso dai precedenti ed è finita per un’incompatibilità caratteriale. Ogni relazione della mia vita l’ho vissuta al cento per cento

- Advertisement -