Venezia: da domani entra in vigore il pagamento del ticket di ingresso

Da domani 25 aprile entrerà in vigore l'ingresso a pagamento per accedere alle bellezze della Serenissima

La giornata di domani 25 aprile, oltre che la Festa nazionale della Liberazione, sarà anche il battesimo per il ticket d’ingresso a Venezia. Introdotto in via sperimentale, ad ogni modo da domani sarà effettivo e i turisti in visita alla città lagunare dovranno sborsare 5 euro a testa.

Oltre al versamento di questo importo, c’è l‘obbligo di prenotazione anticipata online. In assenza di questo, non sarà possibile visitare Piazza San Marco, il Ponte di Rialto, il Palazzo Ducale, fare un giro in gondola, e così via.

- Advertisement -

Il pagamento prevede ben poche eccezioni: è richiesto a tutti i visitanti dai 14 anni in su e anche agli studenti fuori sede.

Si tratta di una fase sperimentale che partirà da domani e durerà fino al 31 luglio.

- Advertisement -

Questa tassa di 5 euro viene richiesta da coloro i quali visitano Venezia in giornata, ossia senza pernottare qui. I turisti che hanno una prenotazione in hotel, poiché versano già la tassa turistica di soggiorno, sono esentati, come pure i residenti ovviamente e chi raggiunge Venezia per motivi di lavoro oppure i gruppi di studenti in gita scolastica.

L’obbligo di prenotazione online + pagamento ticket scatta però solo nelle giornate festive, come quella di domani, e in generale durante i week end trattandosi di giornate di picco di accessi.

- Advertisement -

Per ora sono escluse da questo ‘pedaggio’ le isole minori della laguna.

Elisabetta Beretta
Elisabetta Beretta
Ho un diploma di Perito Aziendale e Corrispondente in lingue estere e un background da studio commercialista, dove ho lavorato per 27 anni in Italia occupandomi di dichiarazioni dei redditi, bilanci ed ero la responsabile finanziaria dello studio. Ma ho sempre amato scrivere. Nel 2021 ho cominciato a predisporre contenuti di vario genere come ghostwriter. Nel 2022 ho deciso di avere bisogno di un cambiamento radicale: mi sono licenziata e sono partita per l’Andalusia dove sono attualmente residente.