Video: Banksy con il suo tocco artistico omaggia medici e infermieri

Banksy omaggia gli operatori con il suo nuovo murales "Game Changer"

Firma Banksy
PhotoCredit: Di Banksy - www.banksy.co.uk, Marchio, https://it.wikipedia.org/w/index.php?curid=4281541

“Game Changer”, così è stata nominata la nuova opera d’arte di Banksy. Come sempre l’artista britannico sa come colpire cogliendo quelle che sono le tematiche più toccanti, nei periodi più appropriati.

Si chiama “Game changer“, perché sta a rappresentare un “cambio di gioco”. Con questa espressione Banksy si riferisce a tutti quegli operatori sanitari che, da mesi in Inghilterra, e non solo, stanno ricoprendo le vesti di veri e propri eroi.

La nuova opera d’arte

Nell’opera, infatti, è raffigurato un bambino in bianco e nero che, dalla cesta dei suoi giocattoli dei supereroi, ne sceglie uno vestito da infermiera. Rigorosamente con una mascherina. Il murales realizzato dal celebre street artist britannico, si può trovare nei su un muro del pronto soccorso dell’ospedale di Southampton, nell’Inghilterra meridionale. Oppure pubblicato sul suo profilo Instagram con una dedica nella didascalia: “Grazie per tutto il lavoro che state facendo, spero che questo illumini un pò il posto, anche se è solo in bianco e nero“.

Nell’immaginario di Banksy, il bambino tra Batman e l’Uomo Ragno sceglie proprio la bambola dell’infermiera che, in questo periodo di pandemia da Coronavirus, rappresenta l’essenza dell’eroismo.
L’opera, dalle dimensioni di circa un metro quadrato, accordata anche con i vertici dell’ospedale, è stata realizzata per omaggiare tutti gli operatori sanitari in azione. Persone che, proprio come dei supereroi, stanno sacrificando no-stop le loro giornate, mettendo a rischio la propria salute, pur di combattere le insidie di questo nemico invisibile.

L’opera sarà messa all’asta in autunno per raccogliere i fondi per l’SSN.

View this post on Instagram

. . Game Changer

A post shared by Banksy (@banksy) on

Simona Esposito
Sono Simona Esposito, una giovane giornalista, dall’indole creativa e professionale. Appassionata riguardo tutto ciò che concerne l’innovazione, la comunicazione e la tecnologia, con l’attitudine all'approfondimento, all'analisi e all’indagine. Il mio motto è: “Il successo non è la chiave della felicità. La felicità è la chiave del successo. Se ami quello che stai facendo, avrai successo”.