Vittorio Sgarbi vs Barbara D’Urso lite scioccante a Live:”Ti denuncio: mi hai dato del cafone”

Vittorio Sgarbi dopo la lite furiosa e incivile avvenuta a Live con Barbara D'Urso, minaccia la conduttrice di denunciarla e portarla in tribunale

La parte finale di Live non è la D’Urso è stata dedicata ai protagonisti de La Pupa e il Secchione, il programma che ha avuto un discreto successo nel format realizzato nella versione reality condotto con simpatia da Paolo Ruffini.

Ospiti del salotto serale di Barbara D’Urso alcune popolari pupe e pupi del programma, presente anche Francesca Cipriani e Vittorio Sgarbi voluto dagli autori per fronteggiare insieme ai protagonisti le dure critiche degli esperti sferrati. La discussione si è animata si dall’inizio quando Sgarbi ha insinuato che una delle pupe, Stella, fosse stata raccomandata niente meno che da Silvio Berlusconi, la conduttrice visibilmente imbarazzata ha cercato d’ironizzare sull’affermazione del critico che si è risentito d’essere stato ripreso e si è scagliato contro la D’Urso in modo davvero incivile.

- Advertisement -

Parolacce, ma anche offese continue sono state protagoniste di un talk show sfuggito di mano anche all’esperta conduttrice che a fine serata si è anche scusata con i  telespettatori affermando che una cosa così non le era mai capitata in tanti anni di carriera. Da notare poi che quando Barbara ha invitato Sgarbi a lasciare lo studio quest’ultimo non è voluto andare via e gli ospiti e la conduttrice non hanno potuto far altro che ignorarlo fino alla fine, non senza un certo imbarazzo.

Vittorio Sgarbi: “Barbara D’Urso impara l’educazione, la imparerai in tribunale!”

Oggi Vittorio Sgarbi sui suoi social ha annunciato di aver subito un offesa a Live, è lui che è stato preso a parolacce e che è stato cacciato, la conduttrice è stata maleducata ed è deciso a denunciarla:

- Advertisement -

“Mi hai minacciato di darmi i calci nel c…lo, e io ho semplicemente risposto che rimanevo lì. ‘Vattene via, vattene via’, hai detto. Un ospite non si caccia mai. Impara la buona educazione. La imparerai in tribunale. Ti porterò in tribunale e spiegherai come è possibile trattare così un tuo ospite che ha parlato dicendo la verità