Viviana Parisi è salita sul traliccio per cercare Gioele?

Secondo il legale Claudio Mondello Viviana sarebbe salita sul traliccio della corrente dopo aver perso di vista il bimbo

Dopo il ritrovamento dei resti di Gioele Mondello trovati da un ex carabiniere in pensione, il procuratore di Patti ha tracciato un’ipotesi secondo il quale il piccolo sarebbe stato aggredito dagli animali selvatici. La zona di Caronia è abitata da numerosi animali tra cui suini neri, cani, volpi, i resti rinvenuti sono stati trascinati in diversi punti della zona adesso occorre capire se è avvenuto prima o dopo la morte di Viviana e del figlio.

Il legale della famiglia: Viviana sarebbe salita sul traliccio per cercare Gioele

Un’altra ipotesi resta quella dell’omicidio-suicidio ma che non convince la famiglia, il legale Claudio Mondello ha dichiarato “Viviana non si è uccisa e non ha ucciso il piccolo Gioele” continua dicendo “ Viviana voleva intraprendere un piccolo viaggio in auto con il figlio ma l’incidente l’ha messa in serie difficoltà“.

- Advertisement -

Secondo il legale Viviana dopo l’incidente si è trovata ai piedi di un traliccio e il figlio poco dopo si è allontanato forse incuriosito da qualcosa sfuggendo al controllo della madre, a quel punto terrorizzata avrebbe cercato disperatamente Gioele. Per orientarsi meglio avrebbe scavalcato il pilone della corrente per avere una migliore visuale e intravedere il piccolo. Infatti dal traliccio è possibile avere una visuale a 360 gradi. In seguito Viviana sarebbe caduta dal traliccio.

Gioele sembra abbia vagato nei boschi

Sempre secondo il legale Gioele avrebbe vagato nei boschi dei Nebrodi e si è imbattuto in qualche animale (forse un suino dei nebrodi) nella zona ve ne sono molti sia allo stato brado che da allevamento.

- Advertisement -

Intanto sono in corso le analisi sui resti di Gioele. Il medico legale Elvira Spagnolo ha dichiarato ” ci troviamo di fronte a dei resti in avanzato stato di decomposizione, agiremo come abbiamo fatto sul cadavere di Viviana Parisi, sono necessari ulteriori esami per avere un quadro più completo e analizzare la lesione presente sul corpo“.

Ad effettuare l’autopsia del bambino ci sarà anche l’entomologo forense Stefano Vanin già intervenuto sul corpo di Viviana. Ieri pomeriggio è stato prelevato il Dna al padre Daniele Mondello e al suocero Luigi Parisi per verificare l’identità del cadavere.

Ambra Leanza
Ambra Leanza
Articolista freelance, appassionata di viaggi, lettura e scrittura