Arriva la conferma di Trump: È morto il leader dell’isis al Baghdadi

Arriva la conferma di Trump: È morto il leader dell’isis al Baghdadi

È ormai ufficiale, anche il presidente degli Stati Uniti  d’America Donald Trump ha annunciato la morte del leader dell’isis Abu Bakr al Baghdadi. L’uomo è stato ucciso durante un raid americano in Siria. L’annuncio di Tramp è arrivato nel corso della conferenza stampa alla Diplomatic Reception Room della casa bianca. Dalle prime ricostruzioni sembra che al Baghdadi si sia fatto saltare in aria insieme ai suoi tre figli. Il terrorista per sfuggire al nemico era fuggito in un tunnel sotterraneo dove però è rimasto intrappolato.

Le dure parole di Tycoon

“Era un uomo malato e depravato ed è morto come un codardo, come un cane correndo con la coda tra le gambe” queste sono state le durissime parole di Tycoon.

Nel momento della morte di al Baghdadi  erano presenti anche due mogli, entrambe con indosso un giubbotto pieno di esplosivo. Le cariche non sono esplose però entrambe hanno comunque perso la vita insieme al terrorista.

Il test del DNA

I risultati del test del DNA effettuati sul corpo del presunto terrorista hanno confermato la sua identità. Trump inoltre precisa che è stato arduo riuscire a recuperare il corpo di al Baghdadi sotto le macerie causate dalla detonazione. I soldati però dopo un lungo lavoro sono riusciti a recuperare il corpo ormai senza vita, sia di al Baghdadi che delle altre vittime.

Durante la conferenza il presidente degli Stati Uniti ha sottolineato l’importanza del supporto della Turchia. Grazie alla collaborazione di questo Stato i soldati americani sono riusciti a muoversi con maggiore semplicità. L’operazione è riuscita solo perché è riuscita la collaborazione internazionale tra Russia, Siria, Turchia e Iraq. Tutti alleati contro il medesimo nemico.

Oggi i soldati con tale operazione hanno dato un barlume di gioia a tutti i parenti, amici, familiari di tutte le vittime di questo spietato killer.

Leggi anche: È morto Ivan Milat, il più spietato serial killer Australiano