Ascensore crolla a Fermo: donna sopravvissuta per miracolo

Ascensore crollato a Fermo per quattro piani, la vittima è shoccata ma sta bene

Fermo (Marche) sembra quasi un miracolo quanto accaduto nella giornata di oggi ad una donna che si è trovata intrappolata in un ascensore che immediatamente è precipitato per ben 4 piani. La donna, un’anziana di 75 anni, è stata prontamente soccorsa dopo l’incidente e sembra non aver presentato traumi o contusioni. Le motivazioni dell’accaduto sono tutt’ora ignote ai carabinieri e vigili del fuoco giunti sulla scena, si suppone un semplice malfunzionamento dell’impianto dell’ascensore.

La vicenda è avvenuta in via Respighi, in una palazzina di quattro piani. La donna, dopo esser entrata nell’ascensore, ha vissuto un vero e proprio incubo. La cabina è precipitata di botto, all’interno del suo vano, da un’altezza approssimativa di 12 metri. Per circostanze fortuite, nonostante il malfunzionamento dell’apparecchio, si è azionato l’impianto frenante di emergenza. Ciò ha evitato lo schianto al suolo ed ha fatto in modo che la donna non subisse danni di alcun tipo.

- Advertisement -

I soccorritori: ‘viva per miracolo’

Dopo l’accaduto, un residente della palazzina accortosi di ciò che stava accadendo, ha subito avvertito i soccorsi che sono intervenuti per liberare la donna ed accingersi a prestarle le prime cure necessarie. Sul posto sono giunti i sanitari del 118 e della Croce Verde del comune marchigiano Ascoli Piceno, i carabinieri ed i vigili del fuoco.

Dopo aver permesso alla donna, estremamente spaventata, di uscire dall’ascensore le hanno posto le prime domande per poter ricostruire la dinamica della vicenda ma la donna è apparsa terribilmente scossa per l’avvenimento.

- Advertisement -

I sanitari, invece, dopo averle prestato le prime cure hanno constatato fortunatamente che la donna non ha subito alcun tipo danno, quasi per miracolo. Nonostante le notizie positive, la donna è stata comunque condotta all’ospedale  più vicino, per poter effettuare tutti gli accertamenti medico-sanitari e poter escludere del tutto danni non visibili che potrebbero essere sfuggiti nella prima visita.

Leggi anche: TAV: i 5 stelle non sono dei traditori, ma degli sconfitti

spot_img