Bambini accusano la maestra di sostegno: maltratta la nostra compagna disabile

Incubo a Roma

Bambini accusano la maestra di sostegno: maltratta la nostra compagna disabile

I bambini accusano la maestra di sostegno di maltrattare una oro compagna disabile, e subito scatta l’indagine della Procura.

Tutto accade in una scuola di Roma, dove alcuni bambini di quinta elementare hanno raccontato ai genitori di presunte angherie da parte di una maestra di sostegno nei confronti di una loro compagna disabile. I genitori non sono rimasti indifferenti e hanno deciso di denunciare tutto alle autorità, perché non è possibile maltrattare una bambina che si trova in condizioni di disagio. La piccola aveva paura e non voleva più andare a scuola, si vedeva che era in condizioni di disagio.

Le accuse shock

Secondo quanto detto dagli stessi piccoli studenti e poi riportato dal quotidiano “La Repubblica”, quando le insegnanti non ci sono la maestra di sostegno, una donna di 36 anni, avrebbe atteggiamenti violenti nei confronti della bambina: insulti, umiliazioni, e anche botte.

«Si comporta male con tutti, anche con noi – avrebbero detto i bimbi – Lei è meno fortunata e la maestra dovrebbe proteggerla, invece è cattiva. Le tira calci e pugni sulle mani». I bambini erano traumatizzati dall’insegnante e non vedevano l’ora di liberarsi dalle violenze che erano costretti a subire; in modo particolare la bimba era sempre trattata male e presa ad insulti.

E ancora: ” A volte quando sono da sole in classe sentiamo le urla, le dà gli schiaffi se non si lava bene le mani. Lei è nostra amica, le vogliamo bene, e quello che accade non è giusto”.

Le indagini

Le indagini sono partite immediatamente e adesso l’importante è capire quanto di vero ci sia in questa brutta storia. Se venissero dimostrate le accuse l’insegnante dovrà pagare e spiegare bene perché si è accanita tanto su una bambina che le era stata affidata perché la aiutasse.