La verità sul bambino della Kinder

Di chi era il volto della merenda più popolare di sempre?

Il bambino kinder e la merenda per bambini

Le barrette di cioccolato, con un cremoso ripieno al latte, oggi le troviamo praticamente in ogni Continente, in più di 75 Paesi. Il patron della Ferrero era un “figlio d’arte”, nato in una famiglia di pasticceri, ha sempre avuto il sogno di realizzare un cioccolato pensato per i bambini, e sembra proprio esserci riuscito! Il primo prodotto dolciario di successo fu proprio la barretta di Kinder cioccolato. Kinder in tedesco vuol dire proprio bambino, per enfatizzare ancora di più il pubblico a cui sono rivolti i deliziosi prodotti dell’azienda italiana.

Ma chi è stato il primo bambino “Kinder” della famosissima pubblicità? Quel bambino che fino al 2006 sorrideva su migliaia di scatole di kinder cioccolato, in circolazione per tutta Europa?

Chi era il primo bambino della kinder

bambino kinder
fotocredit: leganerd.com

Il volto della merenda più popolare di sempre è stato quello di Günter Euringer per ben 37 anni. Günter, come potete immaginare dal nome, è stato il kinder per eccellenza: tedesco, capelli a caschetto anni ’70 chiari e leggermente ondulati, un sorriso felice e uno sguardo ceruleo. Oggi è un 50enne di Monaco, cameraman di professione, non ha quindi cavalcato l’onda del successo come ci sarebbe potuti aspettare. Ha deciso però di uscire allo scoperto e rivelare la sua “vera” identità solo nel 2005, pubblicando un’autobiografia dal titolo “Das kind der schokolade”, ovvero “Il bambino del cioccolato”. Sarà per questa rivelazione che proprio un anno dopo l’azienda ha deciso di cambiare testimonial?

Il caso del bambino kinder n2

Come già accennato, nel 2006 il bambino che rassicura le mamme sulle confezioni di kinder cioccolato, ha cambiato volto, non senza polemiche di tutti quei nostalgici che avrebbero voluto mantenere il vintagissimo bambino Kinder così com’era. Nel 2016 un bel ragazzotto inglese, Josh Bateson, ha pubblicato sui social una foto che ha ingannato molti. Nel post si vede un ragazzo sorridente che si copre gli occhi con una scatola di Kinder cioccolato, e nella didascalia c’è scritto “Sono il ragazzo delle barrette”. Voluto o no, questa foto ho scatenato il web, tutti convinti d’aver scoperto il volto del secondo “bimbo del cioccolato”.

La verità è tutta italiana

Dopo parecchio tempo che questa fake news girava in rete, è arrivata la smentita, direttamente dalla Ferrero stessa. L’azienda piemontese infatti ha dichiarato che il volto selle confezioni del loro prodotto è italianissimo e si chiama Matteo Farneti. Beh anche lui è cresciuto davvero bene, saranno state le barrette al latte della Ferrero? Chi lo sa. Cosa certa è che Matteo Farneti rappresenta davvero il bambino sulle confezioni delle barrette. Oggi fa il modello e vive a Bologna. Inoltre sul suo profilo social si possono leggere moltissimi commenti di utenti che, guardando le sue foto lo hanno riconosciuto!

Oggi la Ferrero ha deciso di indire annuali audizioni per i volti che rappresenteranno i loro prodotti. Inoltre sono state fatte molteplici campagne alternative, con bambini di diverse nazionalità, quando la Ferrero ha iniziato a vendere il proprio prodotto anche in altre parti del mondo.

I “Più latte, meno cacao” questo è stato, ed è ancora oggi, lo slogan di uno dei prodotti della Kinder più amati dai bambini, e non solo. Questa piccola barretta prelibata nasce nel 1968. Michele Ferrero, proprietario dell’azienda dolciaria Ferrero di Alba in Piemonte, voleva un prodotto che fosse appetibile ai bambini, quindi col cioccolato, ma al contempo rassicurasse le mamme. Negli anni ’60 il latte era considerato un alimento sano e nutriente, ideale per la crescita dei bambini, da qui lo slogan.

Potrebbero interessarti anche