Calabria 28 giugno 2019: Notte Bianca dello Sport ad Acquappesa

I rappresentanti delle discipline sportive e la rispettiva idea sullo Sport

“Un paese può dirsi davvero sportivo quando la maggioranza dei suoi abitanti sente lo sport come una necessità personale”, diceva Pierre de Coubertin. Quest’ultimo viene da sempre associato allo sport nel ricordo della sua lungimirante riscoperta dei Giochi Olimpici a mò di sostegno in favore dello sport in tutte le sue forme . Il suo aforisma rapportato all’idea odierna di sport evidenzia un’ideologia oramai comune che attribuisce allo sport quel suo ruolo preminente. Anche nella quotidianità e nelle abitudini giornaliere ogni essere umano sceglie o quantomeno si fa coinvolgere nell’attività sportiva alla quale si sente più vicino. Ma c’è anche chi vuole scegliere conoscendo prima la disciplina e/o l’attività sportiva. A sciogliere tali perplessità e

a promuovere qualsiasi tipo di sport ci ha pensato CSAIN, un’ente promozionale sportiva nazionale che coaudiuva con comitati provinciali e regionali di tutto lo Stivale.

Nella Regione Calabria è capitanato da un poliedrico Amedeo Di Tillo, che nello specifico ricopre il ruolo di presidente regionale del comitato Calabro. Di Tillo elogia il grande lavoro dei comitati provinciali della Regione Calabria che si mostrano sempre attivi e partecipi nella collaborazione e a più riprese sottolinea “un grande lavoro ed un grazie ai presidenti provinciali della cittadina Bruzia e di tutta la regione Calabria”. Come una famiglia pronta ad accogliere qualsiasi attività sportiva, Di Tillo ascolta e pone l’accento su ogni sport. “Aprirsi a 360 gradi come ente disciplinare” enfatizza il presidente Di Tillo. Degno di nota e ammirevole risulta l’impegno di Di Tillo con il quale aiuta le varie associazioni sportive.

L’ultima iniziativa porta il nome di NOTTE BIANCA DELLO SPORT datata il 28 giugno 2019.

È il connubio di più menti con uno scopo comune: promuovere lo sport. Si è scelto una location in cui a far da cornice ci penseranno le prestigiose Terme Luigiane di Acquappesa. Il mood di quella notte sarà all’insegna della passione: il sentimento che accomuna i rappresentanti delle varie discipline sportive. E con lo stesso entusiasmo il presidente Amedeo Di Tillo e l’Asd Tirrenian Bikers hanno pensato di dedicare un’intera notte d’estate alle varie discipline sportive coinvolgendo chi ama lo sport e chi ancora non sa quale scegliere. L’Asd Tirrenian Bikers è “un’associazione sportiva dilettantistica fondata da 3 amici con la comune passione per la bicicletta, unita all’amore per il proprio Territorio senza tralasciare la considerazione per i problemi sociali che quest’ultimo vive. Il nostro intento è quello di divulgare passione e raccogliere aggregazione” , così si presentano i componenti dell’associazione lasciando trasparire tanta umiltà e tanto amore per le proprie origini. Con grande soddisfazione il presidente Di Tillo promuove l’iniziativa della Notte Bianca affermando che è stata “sollecitata dall’associazione Tirrenian Bikers nonché da amici che hanno voglia di promuovere il territorio in particolare la costa tirrenica” . Intanto le varie associazioni si preparano in vista di quella Magica Notte Sportiva. Si è pensato di dar voce a chi lo sport lo pratica e lo insegna. E sgattaiolando fra di loro gli si pone

una domanda che sarà uguale per tutti: “Cos’è per te lo sport?”.

La loro disponibilità nella risposta a tale quesito lascia basiti. Ma al contempo dona serenità e vicinanza a quel mondo che sembra distante per qualcuno.

“È difficile riassumere tutto in poche parole quando si parla di sport ma di sicuro rappresenta la dedizione, la passione e la volontà” afferma Francesco Formoso, insegnante di MMA e Autodifesa a San Marco Argentano, provincia di Cosenza, ma in primis Campione Oro Olimpico nonché Nazionale Azzurro.

“Lo sport è un indirizzamento nella vita quotidiana poiché promulgatore di ideali. Insegna, prima di ogni cosa, a comprendere il prossimo. Ma è anche un momento di aggregazione” sottolinea Orefice Pietro, insegnante di Jujutsu tradizionale e di arti marziali orientali a Castrovillari- Cosenza.

“Lo sport è una dimensione personale che dà l’opportunità di vedere la vita in modo diverso traendone benefici per la propria salute. A mio parere è una componente dell’arte e camminano di pari passo l’uno con l’altra. D’altronde l’arte e lo sport sono vita e creatività” afferma Antonio Spadafora, insegnante di Kung Fu, precisamente Táo Jiàn Kung Fu, presso l’Imperial Fitness di Rende, Cosenza.

“Lo sport è una parte molto importante per la salute della persona ma è anche fonte di socializzazione” sostiene Dominique Carbone, insegnante di Basket a Belvedere, provincia di Cosenza.

“Lo sport è miglioramento che in fin dei conti è frutto di una preparazione fisica e psicologica dinnanzi ad un evento. Ad uno sforzo” ritiene Caero Matteo insegnante di scherma storica a Cosenza.

“Lo sport è vita. È un modo per tenersi in forma nonché una valvola di sfogo” sostiene Federico Mario, allenatore tecnico nazionale di tennis da tavolo nonché insegnante di tale disciplina a Luzzi.

“Lo sport è benessere e ciò che insegno aiuta a superare i preconcetti in quanto ad età. Proprio esercitando tale disciplina comprendi dove può arrivare il tuo corpo” dice Paura Anna Monia, insegnante di Pole Dance nella scuola Progetto Danza di Paola, Cosenza.

“Lo sport è stare in gruppo divertendosi. In poche parole vivere meglio stando meglio anche con gli altri” risponde De Stefanis Pablo responsabile settore automobilismo Calabria.

“Lo sport è un’ottima attività di aggregazione che fa crescere le proprie capacità fisiche e motorie” puntualizza il maestro Telemare, insegnante di breakdance su tutta la costa tirrenica.

“Lo sport è attività fisica e psicologica d’inclusione che coinvolge ogni fascia d’età ” ritiene Sergio Bonavita, insegnante di tiro con l’arco in Cosenza.

“Lo sport è benessere fisico e psicologico. Nel nostro centro sportivo si pone anche l’attenzione agli atleti paraolimpici. Ritengo che lo sport dimostra di essere una forma di riscatto, uno stimolo per superare i propri limiti” ragiona Fabio Baldacchino, rappresentante del Centro Sportivo Infor.Ma Amantea.

Curiosando nelle varie aree ci si rende conto che a farci compagnia c’è anche l’amico dell’uomo per eccellenza ovverosia il cane. “Il nostro motto è lo sport senza distinzione di razza” afferma risoluto Maddalena Giuseppe. Quest’ultimo è responsabile tecnico nazionale del Gruppo Cinofilo e approfondisce la sua risposta aggiungendo “il nostro intento è di promuovere l’attività sportiva con il nostro amico a 4 zampe senza porre alcun limite”. Ma quando lo sport incontra l’arte si assiste ad un qualcosa di sorprendente. Più in là ci sono le aree danza. E suscita spontaneo chiedere ai vari rappresentanti

“che cosa rappresenta l’arte per te?”

La risposta anche in questo caso denota una certa disponibilità nella conversazione.

“Lo sport e l’arte sono il sunto di un insieme di cose che vanno dalla passione alla formazione” ritiene Pasquale Ramundo, insegnante di danza sportiva a Guardia Piemontese e Scalea.

“L’arte è un benessere che abbraccia tutti i sensi sfociando nella creatività che a sua volta si materializza con l’arte” spiega Elena Vaccaro, insegnante di danza orientale presso Dance Project a Cosenza.

Di seguito si pone la stessa domanda ad un’altra insegnante di danza orientale nonché di fitness, alias Emanuela Pastore conosciuta attraverso la sua associazione MorEma a Fuscaldo “penso che l’arte sia una passione che ben presto diventa arte”. La stessa Emanuela si sofferma su un’innovativa disciplina sportiva, tale Kangoo Jumps e dice la sua opinione in quanto a sport ” quando parliamo di sport sostengo che sia un’attività importante nella vita di ogni essere umano nonché utile alla propria persona in molti ambiti”.

Dulcis in fundo Simone Gallo, qualificato nutrizionista sportivo e personal trainer, pone l’accento sull’alimentazione “nello sport la nutrizione ha il ruolo fondamentale nel raggiungimento di una performance ottimale. Un ambito che è stato rivalutato negli ultimi anni in America dove tra l’altro vivo. Riconosco che nella cultura d’oltreoceano lo sport è parte integrante della giornata intesa come quotidianità”.

La NOTTE BIANCA si prospetta costruttiva per chi si affaccia per la prima volta ad alcune discipline sportive

ma anche per coloro che hanno bisogno di risposte in quanto a sport. Pertanto quest’iniziativa ha creato un microcosmo da vivere appieno il 28 giugno dove l’impatto e le emozioni non mancheranno. Tante discipline sportive. Tanto divertimento. Tanti dubbi risolti. Il tutto a fine nottata colmerà quei vuoti con i quali vi si approda. ” Lo sport è prima di tutto sinonimo di salute. Se penso ai nostri figli, ritengo che oggi abbiano l’imbarazzo della scelta in quanto a disciplina. Trovo molto positivo l’approccio sin dall’età dei giochi poichè lo ritengo uno strumento educativo che ha il suo valore ed il suo peso. Pertanto invito tutti a conoscere le discipline sportive presenti il 28 giugno in virtù della NOTTE BIANCA dove i professionisti di varie associazioni sportive metteranno a disposizione la loro conoscenza e la propria disciplina” sostiene Federico Bianco in totale sinergia con il presidente dell’ ASD TIRRENIAN BIKERS, alias Carmine Andreoli. L’approccio con ciascun’associazione arricchisce ed alimenta le conoscenze pressoché basilari in quanto a sport. Il resoconto finale sancisce un’idea comune alle varie associazioni: “lo sport è sinonimo di benessere e salute”.                                                     Spot video https://youtu.be/vcFuvgZSHv4

Potrebbero interessarti anche

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here