C’era una volta Kiev

Daniel King, fotografo australiano, arriva in Ucraina, a Kiev, nell’estate del 2013, proprio quando il movimento per i diritti civili Rise Up, Ukraine! muoveva i primi passi per scuotere le coscienze del Paese in opposizione al governo dell’ex presidente Yanukovyc.

Tuttavia a catturare l’attenzione del suo obbiettivo non furono le proteste in giro per la capitale, bensì la quotidianità degli adolescenti ancora ignari di ciò che avrebbe significato essere coinvolti in una guerra civile.

Loading...

Immagini di una generazione spensierata e libera, raccolte nel volume Ukraine Youth Between Days. Il 21 novembre 2013 sancì la fine di tutto, con lo scoppio della rivolta in piazza Maidan a Kiev: i manifestanti chiedevano le dimissioni del presidente Yanukovyc che aveva rifiutato un accordo commerciale con l’UE. Il 20 febbraio 2014 le nuove proteste fecero 50 vittime: due giorni dopo Yanukovyc venne sollevato dal suo incarico.

Ad oggi in Ucraina si contano 4 mila vittime dovute agli scontri tra l’esercito regolare ucraino e i separatisti filorussi che rivendicano alcune zone di influenza russa. Intanto nell’est del paese si continua a combattere la guerra civile, nonostante si sia parlato di tregua.

Il conflitto procede, silenziosamente ma costante e la spensieratezza di una generazione ricca di speranze e aspettative sembra lontana anni luce, racchiusa in un album fotografico.