Concorso Regione Campania: pubblicato il calendario delle prove preselettive

Concorso Regione Campania: pubblicato il calendario delle prove preselettive

Pubblicato il calendario della prova preselettiva per il concorso pubblico della Regione Campania: il calendario è dl 2 al 24 settembre compreso. Tutte le giornate di concorso sono suddivise in due turni, per permettere uno svolgimento più agevole delle prove.

Come accedere alla prova preselettiva

La divisione è stata effettuata in ordine alfabetico, il primo turno si svolgerà alle 8 di mattina mentre il secondo alle ore 15. I primi giorni sono dedicati all’accoglimento dei candidati diplomati, per svolgere la prova preselettiva della categoria C1. Successivamente, dal 18 al 24, sarà il turno dei candidati laureati, per la scrematura degli iscritti per la categoria D1. Anche in questo caso sono previsti più giorni e due turni, uno mattutino ed uno pomeridiano. Il luogo previsto è la Mostra d’Oltremare di Fuorigrotta, nel napoletano.

Per accedere alla prova bisognerà presentare la ricevuta d’iscrizione, che è possibile scaricare e stampare dal portale su cui sono state presentate le candidature. Ieri è stata l’ultima giornata utile per poter perfezionare l’iscrizione. Le domande pervenute sono state più di 300 mila, ed agli iscritti è stato concesso di presentare domanda per entrambi i profili.

Le materie previste nella prova

A differenza di altri concorsi pubblici, per il concorso Regione Campania non è stata pubblicata nessuna banca dati, rendendo più complicato il reperimento del materiale da studiare. Il bando ha individuato solamente le materie che saranno oggetto della prova di scrematura, e sono comuni ad entrambi i profili: si passa da elementi di diritto (costituzionale, diritto degli enti locali, diritto amministrativo) a informazioni sulla Regione Campania, sia dal punto di vista geografico-economico che dal punto di vista statutario.

Inoltre sono previsti dei quiz riguardanti ragionamento sia critico-verbale che matematico. Le domande di logica sono quelle che spaventano di più gli iscritti: i quesiti appaiono complicati e non alla portata di tutti, per questo occorre esercitarsi con simulazioni presenti su manuali cartacei ed online.

Leggi anche: Crisi di governo: Parlamento riapre d’urgenza