Covid, morto 41enne, ma aveva telefonato fino a due ore prima dalla morte

Una morte improvvisa, mandava messaggi ad amici e parenti fino a 2 ore prima. Poi l'arresto cardiorespiratorio. Ora si indaga per omicidio colposo

Alberto Valentini, 41 anni, di Tagliacozzo, è deceduto per Covid in ospedale. Ora la Procura di Avezzano ha aperto un fascicolo, l’ipotesi è quella di omicidio colposo. Sulla salma verranno pertanto effettuati degli accertamenti tecnici non ripetibili, questa mattina.

Sono stati i famigliari, nei giorni scorsi, a presentare esposto, assistiti dagli avvocato Luca e Pasquale Motta. Il magistrato Lara Seccacini aveva disposto il sequestro delle cartelle cliniche. I magistrati stanno ora tentando di capire se vi possa essere una responsabilità da parte dell’ospedale.

- Advertisement -

“Alberto è stato ricoverato il 9 marzo all’ospedale di Avezzano, affetto da coronavirus“, precisa l’avvocato Motta, “non aveva patologie ed era un vero sportivo. Le sue condizioni, fino al 16 aprile, sono state sempre buone. Durante la sua permanenza in nosocomio effettuava chiamate con il suo cellulare e mandava messaggi agli amici e questo fino a due ore prima della sua morte”.

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.