“Dentro l’Ultima Cena”di Leonardo da Vinci al Pal. delle Stelline

20150704_182924

E’ un incantevole viaggio all’interno stesso della più grande opera del maestro, la mostra “Dentro L’Ultima Cena” di Leonardo da Vinci. Il Palazzo delle Stelline in corso Magenta 61 è particolarmente legato a Leonardo, perchè qui egli piantò la sua “Vigna” donatagli da Ludovico il Moro per ringraziarlo.: sono gli “Orti di Leonardo” , un verdissimo  fresco giardino dove oggi risuonano note eterne tra le fronde degli alberi, melodiose, dolci o gioiose sinfonie  di Verdi, Rossini, Mozart e tanti altri. Si librano sopra le piante fiorite, una cappelletta della Madonna, il verde prato. Inoltre ci troviamo vicino al Cenacolo che espone l’opera originale, accanto alla stupenda chiesa di S.Maria delle Grazie...

 

Loading...

 

20150704_174519

In questo contesto si inserisce la mostra,  “Inside Last Supper”, aperta fino al 31 ottobre 2015, che pare un naturale proseguimento nei luoghi del maestro dalla musica all’arte. Viene presentato qui un affresco multimediale, “5 set espositivi, con superfici sensibili e strumenti all’avanguardia. Così vengono realizzati  i programmi video ancora sull’onda di note musicali , questa volta rinascimentali, entrando nel profondo della sua più grande opera ricca di “significati”. Il capolavoro è stato scomposto in “cinque moduli”, ambienti e tempi che invitano ad una maggior comprensione secondo vari ritmi e modalità. Dei due percorsi il primo è tradizionale,”cinematografico“, il secondo di tipo “multimediale”. Si può accedere così a diversi livelli  di comprensione in modo autonomo e personale..

 

 

20150704_183001

 

Interessante è anche la conoscenza delle terre che lo hanno ispirato, arrivando ad una visione “olfattiva”. L’esperienza, assolutamente unica nel suo genere, è stata curata da Elisabetta Invernici. L’olfatto infatti suscita come la musica ricordi ed emozioni indelebili. Vengono commentati alcuni particolari: il pane e il vino alludono al prossimo sacrificio , così come le braccia aperte di Cristo, che anticipano la Sua futura Crocifissione. Il sacchetto di monete che stringe tra le mani  Giuda indica il suo prossimo tradimento. La tovaglia stessa presenta un “intreccio straordinario” ricco di significati simbolici: si individuano l’ampolla di vetro, i piatti riflessi, il pesce ( tradizionale simbolo cristiano, poichè gli apostoli erano pescatori…), la natura morta che prelude al Caravaggio..

20150704_183211

I particolari dei volti rivelano una delicatezza e una sensibilità sorprendenti, a cominciare da quello di Gesù per la percezione dei sentimenti di amore, dolore e la dolcezza che li unisce…L’espressione del Cristo inoltre  indica il profondo dramma che sta vivendo, nel Suo ultimo saluto agli apostoli…Il volto di Giovanni, particolarmente dolce, esprime tutto l’affetto che provava per il Signore con una delicatezza particolare…Ancora: la bellezza di quei profili dall’espressione sospesa,  che ancora non comprendono fino in fondo la tragedia imminente… è mirabile.

Questo è Leonardo…

Alla mostra si possono abbinare i concerti di musica classica e lirica  che si tengono presso gli “Orti di Leonardo”, al Pal.delle Stelline, eccetto uno, al Teatro Dal Verme, durante i sabati pomeriggio dalle ore 16,45. Le prossime date sono: 11 (Teatro Dal Verme) – 18 – 25 luglio  e l’1 e 8 agosto 2015.

Grazia Paganuzzi