É morta la mamma di Isabella Noventa, fino alla fine ha sperato di ritrovare il corpo della figlia

Non ha mai perso le speranze di ritrovare il corpo di sua figlia

ALBIGNASEGO, Padova – si è spenta Ofelia Rampazzo madre di Isabella Noventa. Ad 87 anni é morta per un tumore al cervello che l’ha portata via nel giro di un solo mese. La sua lotta,  per scoprire la verità su sua figlia, non ha mai portato i risultati sperati.

«Fino all’ultimo giorno ha continuato a pronunciare il nome di mia sorella, anche quando ormai non ragionava più. E c’era un altra parola che pronunciava in quel letto d’ospedale: assassini». Paolo Noventa ha commentato così gli ultimi, dolorosi giorni di sua madre. 

- Advertisement -

Ofelia Rampazzo si è spenta senza avere pace

La signora Ofelia infatti implorava i condannati per l’omicidio di Isabella Noventa ovvero Freddy Sorgato, sua sorella Debora e Manuela Cacco, di restituire le spoglie della figlia ma le sue lacrime e le sue preghiere non sono riuscite a smuovere il trio di assassini.

Dal 2016, infatti, non si ha traccia del corpo di Isabella, segretaria di 55 anni brutalmente assassinata da un piano ben congegnato dal suo compagno, sua sorella morbosamente gelosa e la nuova fiamma di lui, amica per finta di Isabella. Quest’ultima, indossando un giubbotto uguale a quello della vittima, aveva fatto credere che si trattava di un allontanamento volontario. Ofelia non ci aveva mai creduto, ed aveva creato un altarino commemorativo nella sua casa, con le foto della figlia, fiori sempre freschi ed una statuetta della Madonna.

- Advertisement -

«Mia madre si è sentita male circa un mese fa» ha spiegato il figlio Paolo, fratello di Isabella. «Hanno trovato una massa cerebrale che si è rivelata essere un tumore. Ci hanno consigliato di portarla subito all’hospice della Mandria, per via del crollo che sarebbe stato velocissimo. Così è stato, in effetti». Ofelia è poi deceduta il 30 dicembre, mentre ieri c’è stato  il funerale. La famiglia di Ofelia ha voluto tenere il riserbo sulla notizia, onde evitare l’invasione dei giornalisti in questo momento così doloroso.