Elvira Bruno: condannato a 30 anni il marito Naili Moncef

Questa è stata la decisione da parte del giudice nei confronti del 53enne Naili Moncef, marito di Elvira Bruno, di professione cuoco.

Elvira Bruno: condanna a 30 anni per il marito

Condanna a 30 anni di carcere. Questa è la pena inflitta al cuoco Naili Moncef, accusato dell’omicidio della moglie Elvira Bruno, uccisa a Palermo nel 2019. Come è possibile leggere da FanPage, la pena è stata disposta dal gup del tribunale di Palermo Walter Turturici, nel processo a carico dell’uomo di origine tunisina. Moncef uccise la consorte nella camera matrimoniale della loro abitazione sita in via Notarbartolo a Palermo. Elvira Morì in quanto non accettò di avere un rapporto sessuale con il marito. Nei confronti del 53enne il giudice ha applicato lo sconto previsto nel processo celebrato con il rito abbreviato, accogliendo quanto richiesto dal pool della procura, coordinato dall’aggiunto Annamaria Picozzi.

Rifiutò di fare sesso con il marito

Elvira Bruno e Naili Moncef stavano vivendo un periodo di crisi e col tempo si stavano allontanando sempre di più. La 52enne, di professione badante, non riusciva più a vivere quella situazione ed aveva deciso di chiedere la separazione da Naili, il quale esternò la sua contrarietà per ciò. Solo una settimana prima di essere uccisa, Elvira aveva dato inizio alle formalità di avvio per la separazione. La notte dell’omicidio di Elvira Bruno, il tunisino era tornato da una notte di lavoro ed aveva esternato alla moglie la volontà di unirsi con lei. Il rifiuto da parte di quest’ultima fece esplodere la rabbia dell’uomo che strangolò senza pietà Elvira nella loro camera da letto. Fu proprio qui che le forze dell’ordine trovarono il corpo senza vita della donna. Fu lo stesso Moncef a chiamare il 113, ammettendo la responsabilità del delitto. Il 53enne disse agli agenti della squadra mobile: “Le ho stretto le mani al collo con tutta la forza che avevo”. Naili Moncef è stato condannato a 30 anni di carcere per il reato di omicidio volontario aggravato dai futili motivi.

- Advertisement -

Naili aveva problemi economici

Durante il processo è spuntato un altro movente. Pare che Naili Moncef avesse problemi economici e fosse in ritardo con il pagamento dell’affitto. L’approccio sessuale rifiutato e le condizioni economiche disagiate avrebbero fatto scattare nel cuore di Naili un’ira irrefrenabile che ebbe come esito l’uccisione della povera Elvira Bruno. Quando gli agenti di polizia e i sanitari del 118 arrivarono presso l’abitazione, trovarono la 52enne, madre di due figlie avute da una relazione precedente, esanime e distesa per terra, sotto un telo con cui era stata coperta dal marito.

Marco Della Corte
Marco Della Corte
Sono nato a Capua (Caserta) il 4 agosto 1988. Da sempre amante, della letteratura, giornalismo, mistero, musica e cultura pop (anime, manga, serie tv, cinema e videogames). Ho mosso i primi passi su testate locali come Il Giornale del Golfo e la Voce di Fondi, per poi passare a testate più mainstream come Blasting News, Kontrokultura e Scuolainforma. Regolarmente iscritto presso l'ODG Campania come pubblicista, sono laureato in Filologia classica e moderna. Attualmente insegno come docente di materie umanistiche tra liceo classico e scientifico. Ah, dimenticavo: la cronaca nera è il mio pane quotidiano!

Star Wars: Young Jedi Adventures seconda stagione

Disney+ ha rilasciato il trailer della seconda stagione di Star Wars: Young Jedi Adventures, la serie originale animata di Lucasfilm che debutterà mercoledì 14 agosto...