Galla Placidia: diciottenne si impicca al parco giochi

Diciottenne trovata senza vita impiccata in un parco giochi di Galla Placidia

Questa mattina una ragazza è stata trovata impiccata in un parco giochi di Galla Placidia, Tiburtina. Dalle prime indiscrezioni sembra che la ragazza si sia legata le mani da sola con i denti.

Il custode stamattina dopo aver aperto lo spazio riservato all’area giochi, come fa ogni mattina, ha notato il corpo ormai senza vita.

- Advertisement -

Normalmente l’area dov’è collocato il parco giochi viene chiusa alle 19 dunque è lecito pensare che la ragazza abbia scavalcato per potervi entrare.

Attualmente le forze dell’ordine stanno svolgendo le indagini per ricostruire l’intera dinamica dei fatti. Il corpo della giovane diciottenne ora è nella disponibilità de medico necroscopo. Quest’ultimo dovrà capire ed accertare quali sono state le cause del decesso. L’ipotesi più plausibile attualmente sembra essere quella del suicidio anche se non è ancora possibile escludere altre strade.

- Advertisement -

Giorni precedenti alla morte della ragazza

Dai primi accertamenti sembra una ragazza dell’eta di 18 anni che la sera prima si è allontanata dalla propria abitazione imitarono alle 21:15. Secondo alcuni la ragazza già in passato ha tentato l’insano gesto per togliersi la vita. Sul luogo dove è stata ritrovata la ragazza sta indagando anche la polizia scientifica dove sta analizzando tutti i rilievi.

Sembra che la diciottenne soffrisse di gravi crisi depressive da molto tempo, possibili cause dei tentativi di suicidio. Purtroppo ora non si conosce ancora il suo nome e nemmeno il perché della sua morte.

- Advertisement -

Non pare ci sia nemmeno la denuncia dei genitori per la scomparsa della figlia. Molto probabilmente avranno pensato che la ragazza sarebbe tornata a casa dopo essere uscita intorno alle 21.  Il parco gioco è ora totalmente blindato è inaccessibile per poter permettere agli esperti di raccogliere tutti gli indizi e le prove.

Le prossime ore saranno decisive per la ricostruzione dell’identità della ragazza e per cercare di capire il motivo della sua morte.

Leggi anche: Video shock: Donne aggredite da un immigrato alla stazione di Lecco, violenza e degrado