InOMN 2018: osservazione della luna

Vito Lecci racconta l'InOMN 2018 al suo parco astronomico

“Mi piace pensare che la luna è lì, anche se io non guardo”, diceva il suggestivo nonchè paradossale Albert Einstein. In tanti non prestano attenzione ai doni che regala la Luna ogni qualvolta giunge la sera. Basta andare in riva al mare o in un parco non illuminato per apprezzare la luce naturale che questo satellite riesce a sprigionare. Ma c’è qualcuno che ha reso la luna e tutto l’Universo fondamentali ed importanti per la sua esistenza. Colui che dà prestigio ogni giorno alla Luna, alle stelle. Ai pianeti. Colui che sin dall’età di 12 anni guardava il cielo e sognava stando con il naso all’insù.

“Oggi dedico anima e cuore alla Divulgazione e Didattica dell’Astronomia” afferma Vito Lecci, proprietario del Parco Astronomico Sidereus.

Poi lo stesso Vito continua “Dopo il primo tuffo adolescenziale nello studio della scienza più antica del mondo (l’Astronomia), ho poi seguito il corso di Astrofisica all’Università degli Studi di Lecce. Ho costruito il mio primo telescopio nel 1993. In seguito, nel 1996/1997, ho realizzato il mio primo osservatorio astronomico a doppio tetto scorrevole, divenuto meta di migliaia di studenti. Nel 2009 il tutto confluisce nella realizzazione e inaugurazione del Parco Astronomico Sidereus, il 1° nel Salento. Il Parco Astronomico oggi è meta di 6.000-7.000 visitatori/anno (di cui circa 4.000 sono studenti)” racconta Vito Lecci. Una personalità brillante e piena di sensibilità che impiega le sue giornate a far conoscere quell’universo che in molti annoverano ma che in pochi conoscono approfonditamente come Vito Lecci. Ma quello che per Vito da bambino era un gioco, oggi è diventato un appuntamento..mondiale.

Sabato 20 ottobre‬ torna l’iniziativa International Observe the Moon Night (InOMN).

Promosso dalla NASA,  la Notte Internazionale per l’Osservazione della Luna è un appuntamento annuale oramai dal 2010. Ha lo scopo di avvicinare chiunque al magico mondo dell’astronomia, attraverso l’osservazione del nostro satellite naturale. Si organizza solitamente in una notte di settembre o ottobre, in un giorno vicino al primo quarto di Luna, quando l’astro è visibile dal pomeriggio e per buona parte della notte. Inoltre, in questa fase lunare, sono visibili moltissimi crateri sulla sua superficie, oltre naturalmente ai suoi mari e catene montuose. Uno spettacolo davvero interessante. Inoltre, in questa particolare occasione, l’evento precede l’importante appuntamento del 2019, in cui ricorrerà il 50esimo anniversario del primo sbarco sulla Luna. Motivo in più per festeggiare tutti insieme il nostro astro della notte” spiega sapientemente il signor Lecci. Ma al parco astronomico Sidereus, il desiderio di promuovere la Luna e l’Universo a tutto tondo si avverte più che mai. D’altronde quando vien chiesto a Vito Lecci “Quale vuole che sia il fine ultimo di questo progetto del parco astronomico?”, Vito Lecci risponde “Ovviamente, sebbene nato da una passione, questo progetto ha come fine ultimo quello della diffusione della cultura scientifica ad ogni livello, soprattutto nei confronti degli studenti alla ricerca di una carriera da intraprendere. Aiutarli a capire che, spesso, scegliere un percorso scientifico non è appannaggio di pochi fortunati “secchioni”, ma che ognuno di noi, nel giusto asset mentale, può intraprendere con successo questo percorso, sicuramente impegnativo, ma ricco di soddisfazioni. Mi piace ricordare che, diversi studenti che hanno seguito i miei corsi di astronomia, oggi sono fisici, matematici, ingegneri aerospaziali di successo, che lavorano in Italia e all’estero, presso gli Enti più prestigiosi”.

Vito Lecci invita i partecipanti all’ InOMN direttamente al Parco Astronomico Sidereus.

Il 1° parco astronomico nel Salento dove il signor Lecci riserverà una sorpresa esclusivamente ai presenti. Quindi appuntamento a stasera ..tutti con il naso all’insù rivolto verso la Luna.

Welcome

Potrebbero interessarti anche