La dieta originale del dott. Nowzaradan

Schema della dieta, alimenti concessi e non

Chi non conosce il dottor Younan Nowzaradan? Si tratta di un personaggio particolarmente noto, poiché è il protagonista del programma “Vite al limite” in onda sui canali Discovery, mentre in America é chiamata My 600-lb Life Inoltre, è molto gettonato come protagonista di meme divertenti e post su instagram.

Per chi invece ancora ignora l’identità del dottore occorre leggere le successive righe. Nowzaradan nasce l’11 ottobre 1944, è un famoso chirurgo di Houston, (Texas), con specializzazione in chirurgia bariatrica. In particolare opera i suoi pazienti con chirurgia laparoscopica. Esegue, però, anche chirurgia generale e vascolare.

Solitamente opera pazienti gravemente malati, dal peso eccessivo. Il dottore ci tiene molto alla perfetta riuscita dell’intervento e alla risoluzione delle problematiche. Quindi, oltre alle operazioni chirurgiche segue i suoi pazienti fornendo preziosi dettagli per la vita quotidiana. Infatti, compila un programma nutrizionale adeguato al recupero della forma fisica, e spiega gli esercizi e le attività da compiere affinchè i sacrifici non diventino vani.

La dieta di 1200 calorie del dottor Nowzaradan

La dieta del dottor Nowzaradan comprende tra le 800 e le 1200 calorie. Non si tratta, però, di un regime alimentare standard che si adatta allo stesso modo a tutti i pazienti. È una dieta che viene personalizzata a seconda di molteplici fattori. Si considera il peso di partenza e l’obiettivo finale. Si cerca poi di adattare l’alimentazione che il paziente segue abitualmente al cambiamento. Anche l’età ed il genere sono elementi da tenere in considerazione. E, ovviamente, ulteriori problematiche di salute a parte l’obesità.

Prima dell’operazione, Nowzaradan impone ai suoi pazienti di perdere molti kg, altrimenti non li considera idonei ad essere operati da lui. Proprio per questo il taglio delle calorie è molto stringente. Consumare meno calorie vuol dire in primis ridurre le porzioni. Uno dei problemi degli Americani, è, infatti, esagerare con i pasti. Inoltre, i pazienti di Nowzaradan dopo l’operazione si ritrovano uno stomaco molto più piccolo: proprio per questo devono abituarsi al nuovo regime alimentare.

Le linee guida della dieta da 1200 calorie del dottor Nowzaradan

Sebbene, come già spiegato, la dieta del dottore è personalizzata per ciascun individuo, ci sono delle linee guida, che si basano principalmente su una modifica di ciò che mangiano gli americani. I cittadini statunitensi, infatti, sono noti per la loro dieta squilibrata, meno salutare di quella degli italiani. Loro mangiano solitamente alimenti preconfezionati, e pieni di salse. I cibi pronti contengono alte quantità di conservanti e sale, dannosi per la salute.

1)    NO cibi confezionati

Il primo, fondamentale suggerimento che viene dato dal dottore ai suoi pazienti è quello di mangiare cibi “veri” e non in scatola. Nowzaradan infatti impone di eliminare del tutto tali alimenti dalla propria dieta, inserendo prodotti naturali da cucinare secondo indicazioni ben precise, prediligendo cotture che lascino inalterate le proprietà organolettiche.

In questo modo è più facile riuscire a combinare i nutrienti adeguati. Occorre, infatti, eliminare (o almeno ridurre al minimo) i carboidrati e aumentare le proteine. Il regime alimentare così descritto è simile a quello della dieta “cheto”; tuttavia, mentre questa tipologia di dieta prevede pochi carboidrati ma molti grassi, quella del dottor Nowzaradan prevede di tener sempre sotto controllo le calorie.

2)    NO agli spuntini

Un’ulteriore raccomandazione del dottor Nowzaradan è quella di evitare gli spuntini tra un pasto e l’altro, specialmente merendine grasse e snack salati. Questa malsana abitudine non è solo tipica degli statunitensi, ma anche degli italiani. L’eliminazione dello spuntino non è solo un passo fondamentale per la perdita di peso, ma aiuta anche il fegato a lavorare meglio.

I cibi vietati e quelli concessi nella dieta di Nowzaradan

Per seguire il regime alimentare “max 1200 calorie” occorre eliminare, bandire totalmente dalla propria dieta alcuni alimenti. In primis, ovviamente, lo zucchero e qualsiasi alimento contenente una quantità elevata di zuccheri. Ma anche i dolcificanti artificiali dovrebbero essere evitati. Sembrerà strano, ma va tolta dalla dieta giornaliera anche la frutta ad alto contenuto di zuccheri, poiché anche se naturale contribuisce all’aumento di calorie.

Lista cibi proibiti: zucchero, caramelle e dolci, cioccolato, cracker, popcorn, noci comprese le arachidi , riso bianco e integrale, pasta, cereali, succo di frutta, pane se non con moderazione, dolcificanti naturali come miele, frutta ricca di zuccheri come l’anguria.

Anche l’amido è un nemico della perdita di peso. Non vanno assolutamente mangiate patate e quindi nemmeno patatine in busta. Non è il tipo di cottura a rappresentare una problematica nella dieta, ma l’alimento in sé. Allo stesso modo, vanno eliminati riso e pasta.  Per quanto concerne il pane, invece, è possibile consumare all’interno della propria dieta solo un po’ (circa 30 grammi) di pane integrale all’inzio della giornata.

La farina di avena, invece, viene concessa solo ad alcuni pazienti, ovvero coloro che devono perdere meno peso rispetto ad altri. Anche in questo caso, però le porzioni devono essere molto piccole.

Alimenti concessi

Al contrario, è concesso mangiare uova non fritte (meglio gli albumi, ad esempio a colazione), tonno al naturale, tacchino e pollo, the non zuccherato (illimitatamente), verdure come carote,  e spinaci, formaggio light. Per frenare la fame quando si segue questa dieta, si consiglia di mangiare lo spuntino tra i pasti e aumentare l’assunzione di acqua.

Esempio dieta del dott. Nowzaradan

Colazione:

  • Carne/proteine 55 grammi (ad esempio albume d’uovo, omelette, salsiccia di tacchino, piselli, mezza tazza di formaggio senza grassi, yogurt greco)
  • Una fetta di pane integrale
  • 45 kgcal di grassi
  • 180 ml latte scremato

Pranzo:

  • Carne magra/proteine 85 grammi
  • 60/80 Kcal verdure non amidacee (carote, cavolfiori, asparagi, cavolini di Bruxelles, spinaci, zucca, zucchine)
  • 25 kcal verdure amidacee o legumi
  • 1 porzione di grassi 45 calorie

Cena:

  • Carne magra/proteine 85 grammi
  • 60/80 Kcal verdure non amidacee (carote, cavolfiori, asparagi, cavolini di Bruxelles, spinaci, zucca, zucchine)
  • 25 kcal verdure amidacee o legumi
  • 1 porzione di grassi 45 calorie
  1. Snack: una porzione di proteine 25 grammi (75/100 kcal) yogurt greco o tacchino
  2. Carne accettata: manzo, pollame senza pelle, salmone, tonno in scatola all’acqua, maiale.
  3. Latte magro o ricotta magra
  4. Legumi: fagioli, piselli e zucca
  5. All’insalata si può aggiungere del formaggio magro
  6. Cottura alla griglia no frittura
  7. Caffè decaffeinato 
  8. NO succo di frutta, frutta, caramelle, bibite gassate, frutta secca

Come ben saprà chi segue il programma del dottor Nowzaradan su Real Time, i pazienti che non riescono a raggiungere l’obiettivo in termini di peso e non seguono la dieta fissata nel periodo pre-operatorio, non vengono sottoposti all’operazione. Il dottore è infatti un tipo senza peli sulla lingua, che non si fa alcun problema a rimandare i suoi pazienti (o potenziali tali) a casa. Le sue regole sono ferree, e non se la sente di sottoporre ad un intervento così importante se i pazienti non sono coscienti dei rischi ai quali sono esposti.

Infatti, oltre a testare la dedizione dei pazienti e la loro voglia di cambiare letteralmente la loro vita, l’operazione è molto rischiosa. Mantenere un peso adeguato già prima dell’intervento in laparoscopia aumenta le possibilità di sopravvivenza del soggetto sotto i ferri.

L’intervento non è miracoloso, il dottor Nowzaradan è un ottimo chirurgo ma non è un mago. Proprio per questo, prima che possa mettere a rischio la sua carriera ed in primis la vita del paziente, necessita di rassicurazioni. Il paziente che ha voglia di intraprendere il percorso del Nowzaradan deve dimostrare la sua voglia nel cambiare a 360° e non ricadere più negli errori che lo hanno condotto a vivere una “vita al limite” , per usare le stesse parole del programma tv. Sicuramente chi non riesce a dimagrire abbastanza pre-intervento, non riuscirà a farlo nemmeno dopo l’operazione.

L’articolo é d’informazione, per seguire un regime alimentare bisogna rivolgersi ad un professionista e non prendere in considerazione il fai da te.

Curiosità su Nowzaradan

Chi è la moglie di Younan Nowzaradan? Il dottor Now é stato sposato per 27 anni con Dolores Mcredmond. Il matrimonio é finito con un divorzio nel 2002. La coppia ha avuto tre figli, uno dei tre é molto famoso nel mondo dello spettacolo ed é uno dei registi della serie Vite al limite.

Dove vive il dottor Nowzaradan? Il dottor Nowzaradan vive negli Stati Uniti, dove si è trasferito nel 1971. Lavora a Huston nell” unità Obesity Surgery.

Dove é nato Nowzaradan? Il dottore é nato in Iran, si é laureato in medicina nel lontano 1970 all’Università di Teheran.

É stato denunciato nel 2012 da una paziente per sospetta negligenza, ma la sua posizione fu archiviata ben presto.