La Purple Drank arriva anche in Italia

Un mix di codeina e sprite, la droga arriva in Italia

Purple Drank

Purple Drank – Lo sballo dal colore viola arriva anche in Italia. Lo stupefacente fai da te lanciato nel nostro paese dalla trap.

La chiamano Purple Drank per il suo colore caratteristico, il viola appunto, ma è conosciuta anche come sizzurp, lean, syrup drank o Tsikuni.

La Purple Drank è una droga psicoattiva ottenuta tramite miscela di codeina (sostanza contenuta in alcuni farmaci, tra cui il comune sciroppo per la tosse) e la Sprite, o qualunque altra bibita gassata. Si possono aggiungere anche caramelle gommose, per aumentare il sapore dolciastro ed intensificarne il colore. Uno stupefacente a basso costo che produce effetti euforizzanti. Allo stato euforico si associano però difficoltà motorie, letargia, mancanza di energie e una sensazione di dissociazione dal corpo. Come tutte le droghe, inoltre, anche la strana miscela violacea produce dipendenza.

COSA DIFFERENZIA QUESTA DROGA DA TUTTE LE ALTRE?

La Purple Drankè completamente legale, o meglio, per ottenere la codeina, la sostanza che dà l’effetto sedativo alla “pozione”, non bisogna fare altro che recarsi in farmacia e chiedere un comunissimo sciroppo per la tosse. Basta mischiare lo sciroppo ad una bevanda gassata ed è fatta. Se poi si consumano bevande alcoliche subito dopo aver bevuto l’intruglio, l’effetto è prolungato ed amplificato.

DAGLI STATI UNITI ALL’ITALIA, IL PERCORSO DELLA BEVANDA VIOLA TRAMITE IL MONDO DELLA MUSICA

Il trapper milanese Sfera Ebbasta, nel suo singolo Blunt&Sprite, fa riferimento proprio a questo nuovo (almeno per noi in Italia) “sballo” per le feste:

“Nel bicchiere rosso ma non è una festa. Bere un po’ ci da alla testa. Porta la Sprite e la Seven. Noi portiamo gli extra. Per bere Dom Pè voi fate colletta. Tutti i miei frà, anche chi non beve viola. Poi rientra nel club. Con una bottiglietta. Lo sai siamo noi la festa”.

Questa droga a base di codeina e Sprite è stata di moda già negli Stati Uniti. Principalmente legata alla scena blues degli anni Sessanta. Tornata di moda negli anni Novanta, anche grazie all’esplicita propaganda da parte di famosi rapper e cantanti Hip hop che l’hanno celebrata in alcune loro canzoni. Un esempio su tutti è una delle prime canzoni del famoso Jay-Z (marito di Beyoncé, nonché ricco imprenditore) dal titolo Big pimpin. Ma, al di là delle più o meno conosciute celebrazioni da parte dei cantanti rap, la Purple Drank è diventata tristemente nota a causa dei suoi effetti negativi e talvolta mortali. Dopo la morte di Dj Screw, avventua a Houston nel 2000 in seguito all’abuso di un mix di valium e codeina, si accese l’interesse della stampa su questo fenomeno. Il caso di Dj Screw non fu l’unico, altri rapper americani sono morti proprio in seguito all’assunzione di codeina: Pimp C., Big Moe e, nel 2013. Anche notissimo Lil Wayane fu ricoverato in fin di vita dopo aver abusato di Purple Drank.

 

CHE COS’È LA CODEINA?

La codeina è una sostanza che fa parte della categoria degli oppiacei, ossia quelle sostanze che si estraggono dal papavero da oppio. In quantità ridotte, ha proprietà analgesiche, antidiarroiche e offre sollievo immediato in caso di tosse. Per questo si tratta di una sostanza molto usata in campo farmacologico. Assunta in dosi più massicce e miscelata ad altre sostanze, però, la codeina produce effetti psicoattivi e rilassanti, con sensazione di piacere diffuso, ed è per questo che, già da molti anni, il suo uso si è diffuso come sostanza stupefacente, sotto forma di Purple Drank. Ma attenzione: In Italia i due unici farmaci in cui è presente codeina (Tachidol e Co-Efferalgan) contengono anche altre sostanze necessarie a curarsi, ma non a drogarsi! Queste potrebbero uccidere prima che la botta di codeina arrivi al cervello.

GLI EFFETTI DEL PURPLE DRANK

 

Gli effetti che hanno reso celebre la codeina come stupefacente e, di conseguenza la Purple Drank, sono quelli a cui abbiamo già accennato:

diffusa sensazione di piacere e calore
profondo rilassamento
effetto analgesico
In sintesi è una droga psicoattiva, che seda chi ne fa uso, ma dà anche euforia. Si tratta però di uno sballo di breve durata, che in poco tempo si trasforma in un incubo.

I NUMEROSI EFFETTI COLLATERALI

L’assunzione di codeina presenta anche moltissimi rischi, che superano di gran lunga il temporaneo piacere che produce.
Innanzitutto, come tutte le droghe – se usata ripetutamente – la codeina causa dipendenza. Chi l’assume tende infatti ad assuefarsi al sue effetto e, dunque, ad assumerne quantità sempre maggiori fino all’overodose che può essere anche causa di morte.
I primi sintomi di overdose sono:

  • stato di incoscienza
  • pupille ristrette
  • sonno
  • forti dolori al petto
  • battito irregolare

EFFETTI COLLATERALI “ORDINARI” –  NON COLLEGATI ALL’OVERDOSE

  • difficoltà respiratorie (ossia mancanza del controllo del respiro, fino al soffocamento)
  • tachicardia
  • perdita di sensi
  • febbre alta
    Vi sono poi degli effetti più blandi ma altrettanto insidiosi, come:
  • stanchezza
  • nausea
  • confusione
  • brividi
  • crampi addominali
  • inappetenza o indigestione.

L’ATTENZIONE SUI SOCIAL

Esistono persino dei tutorial su YouTube per imparare a mischiare le dosi giuste! Sempre sul canale video più seguito al mondo, uno youtuber italiano, con oltre 140 mila iscritti al suo canale, ha raccontato di aver fatto uso per un lungo periodo di tempo della Purple Drank. Lo youtuber che parla di musica soprattutto trap, ha rivelato di aver passato un periodo di disintossicazione molto duro dalla Purple Drank, causa del suo atteggiamento inusuale e molto aggressivo nei video precedenti. Probabilmente, molti altri ragazzi come lui hanno deciso di provare questa nuova “moda stupefacente”, spinti dall’idolatria verso i propri rapper preferiti e ignorando i gravi rischi che questa imprudenza avrebbe potuto causare loro.

 

Potrebbero interessarti anche