Laura Ziliani è stata soffocata: verso la chiusura delle indagini

Le indagini sulla morte di Laura Ziliani potrebbero essere arrivate al termine

Si va verso la chiusura delle indagini per l’omicidio di Laura Ziliani, la vigilessa scomparsa da Temù lo scorso 8 maggio e ritrovata senza vita l’8 agosto.

Per l’omicidio, sono accusate le due figlie, di 27 e 19 anni, ed il fidanzato di entrambe le giovani.

- Advertisement -

Alla base dell’omicidio, motivi economici, oltre al fatto che pare che Laura Ziliani avesse scoperto della torbida tresca tra i tre, e voleva assolutamente che venisse messa una fine a questo rapporto aperto.

Infatti, il giovane, prima fidanzato con la sorella più grande, aveva poi intrapreso una relazione anche con la sorella più piccola, ed entrambe le sorelle ne erano al corrente, cosa non affatto gradita dalla madre.

- Advertisement -

Dalle intercettazioni, emergono forti preoccupazioni economiche da parte dei tre, che pare già a poche ora della scomparsa di Laura Ziliani stessero tramando su come gestire il patrimonio della donna e su come percepire l’eredità. Eredità che, ricordiamo, si sarebbe rivelata “problematica”: Laura aveva infatti una terza figlia -disabile- ad oggi non indagata e che rappresentava la sua maggiore fonte di preoccupazione, poiché la donna intendeva lasciare alla figlia una cospicua porzione di eredità, non essendo la ragazza autosufficiente.

Le due sorelle quindi volevano di fretta e furia incassare gli assegni degli affitti delle case di cui Laura era proprietaria: “cioè già soltanto con quella paghiamo l’anticipo per un auto nuova (…) eh eh eh, poi ca**o 900 euro…troppo figo (…) però.. cosa più importante…così almeno quella settimana lì poi scappiamo…che possiamo praticamente andare in vacanza”, si dicevano le due al telefono.

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.