Legnago, lascia il cane in auto: l’animale muore per il caldo

Legnago, un uomo di 45 anni ha lasciato il cane in auto per accompagnare il familiare in ospedale: l'animale è morto a causa del caldo.

Un veronese di 45 anni ha lasciato il proprio cane chiuso in auto per accompagnare un familiare all’ospedale. L’animale è morto a causa del caldo. L’uomo ha spiegato alla polizia locale, come riportato da FanPage: “Non sapevo a chi affidarlo e avevo lasciato anche i finestrini dell’auto socchiusi”. Il 45enne è stato denunciato a piede libero per maltrattamenti di animali. L’episodio è accaduto il pomeriggio dello scorso 6 luglio.

Legnago, cane morto in auto: il caso segnalato da un passante

Un passante ha segnalato il cane, un esemplare adulto di boxer. Il povero animale ansimava a causa del caldo in un’auto parcheggiata dinanzi all’ospedale Mater Salutis. Giunti sul posto i vigili in seguito alle diverse segnalazioni. Le condizioni critiche del cane sono state evidenziate e in seguito gli stessi vigili hanno rintracciato il padrone. Quest’ultimo è corso subito a liberare il cane dalla vettura, ma era troppo tardi.

- Advertisement -

Il cane è morto

Il cane purtroppo non ce l’ha fatta: è morto mentre il suo proprietario provava a rinfrescarlo. L’Arena informa che l’uomo si è giustificato dicendo di aver dovuto accompagnare un parente in ospedale per una visita importante e di essersi portato con sé il cane, in quanto non aveva nessuno a cui affidarlo. Affinché all’animale non accadesse nulla aveva lsciato i finestrini chiusi, pensasse che tale precauzione bastasse.

Il padrone si sarebbe accertato delle sue condizioni

Sembra inoltre che il padrone si fosse accertato delle condizioni del cane scendendo a controllare prima che la situazione si aggravasse. La polizia locale ha giudicato credibile la versione del 45enne, ma un medico del Servizio veterinario dell’Ulss 9, giunto sul posto, ha confermato che l’animale fosse deceduto a causa del riscaldamento improvviso del suo corpo.

- Advertisement -

Proprietario denunciato

Dopo quanto accertato, il padrone del cane è stato denunciato a piede libero. All’interno dell’auto, seppur con i finestrini socchiusi, si era infatti generata con il passare del tempo una cappa di calore che non ha lasciato scampo al boxer. Mariella Zamperlin, presidente della sezione legnaghese e del Basso veronese della Lega del cane, ha consigliato di lasciare cani e gatti a casa il più possibile “a prescindere dalle condizioni di salute dell’animale o dalle caratteristiche del veicolo”.