Maradona, parla l’avvocato: “Morto per trattamenti medici terribili”

"Quando sono entrato a casa sua, aveva un volto strano, robotico, in seguito ho capito che era a causa dell'acqua trattenuta dal suo corpo"

A Diego Maradona è stato riservato un trattamento medico terribile, ed è stato per questo che è morto

Queste le dure parole pronunciate da Matias Morla, l’ex avvocato del campione argentino, “Diego si è gonfiato e gonfiato, poverino, fino a quando il suo cuore è esploso“,  così ha detto alla stampa Morla mentre lasciava l’ufficio del procuratore di San Isidro.

- Advertisement -

Maradona si è spento il 25 novembre 2020, all’età di 60 anni. Soffriva di problemi ai reni e di insufficienza cardiaca, di deterioramento neurologico e dipendenza da alcol e psicotropi: è morto per una crisi cardiaca due settimane dopo un’operazione perfettamente riuscita, a causa di un ematoma subdurale alla testa. Si trovava a casa in convalescenza, in una residenza privata sotto la supervisione di un equipe medica già ascoltata nel quadro dell’inchiesta per “omicidio involontario con circostanze aggravanti”. Morla ha raccontato di aver visto per un’ultima volta Maradona circa nove giorni prima della sua morte: “Quando sono entrato a casa sua, aveva un volto strano, robotico, in seguito ho capito che era a causa dell’acqua trattenuta dal suo corpo”.

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.