Metapoesia e campionamento: tre nuovi ebook di Stefano Donno

La metapoesia è la generazione di nuove forme nella poesia

ebook stefano donno

Escono in questi giorni tre nuovi ebook su Amazon a firma Stefano Donno in veste di autore oltre che editore de I Quaderni del Bardo Edizioni:

“A me che so perdere e soprassedere”, “Ho paura dei poeti” e “Ballata del basso profilo” con le post fazioni di Chiara Evangelista, Nicola Manicardi e Donato Di Poce.

Si parte da un testo dato, da un’opera data e la si riconverte in una sequenza ritmica e semantica nuova e altra dando vita così ad una nuova opera. La post fazione per ogni ebook è curata dall’autore dell’opera primaria su cui viene effettuato il campionamento. Non si tratta di un processo di taglio, copia e incolla, o peggio ancora di saccheggio letterario, ma di un vero e proprio spazio creativo temerario, sicuramente ludico, dove Stefano Donno con pazienza comincia a scomporre codici genetici testuali, li frammenta, li viviseziona, facendoli approdare ad un’unità stilistica ed editoriale differente.

In questo modo si crea un dialogo costante che va oltre i confini della consueta uscita editoriale e dei suoi tempi di esistenza nel mercato del libro, producendo un circolo virtuoso di dialogo tra il vecchio e il nuovo nella poesia contemporanea, tra l’edito e l’inedito in un processo creativo che diventa a più dimensioni di interpretazione.

“La sensibilità nel discernere e la responsabilità nella selezione dei componimenti rendono il campionamento uno strumento capace di emettere l’eco, senza disperdere il suono, della raccolta omnia di versi da cui attinge.

A sua volta però, grazie alla penna dell’autore, il campionamento diventa “instrumentum vocale”, un testo capace di raccontarsi e “parlare” al lettore nella sua interezza e nella sua unitarietà sebbene esso derivi da un processo di frammentazione e vivisezione della silloge. Questo nuovo genere letterario parte dall’insieme, passa dalla crasi, finisce nell’uno. È un nuovo battito di ali che permette al lettore di volare senza appesantirlo e rendergli una panoramica dall’alto, ma dettagliata, del continente che si appresterà, se vorrà, a visitare” (Chiara Evangelista)

“Campionando la mia silloge “Non So” è stata data nuova vita al testo. Fondamentale è la ricerca di una parola “chiave “ per entrare nella vita di altri testi. Non è un processo di taglio copia e incolla ma di attenta e profonda, soprattutto rispettosa lettura di ogni singolo testo. Perché la poesia ha una vita e una morte un momento e un luogo, lì inizia il lavoro di “campionamemto”; trovare la giusta sonorità per scollare il testo originale e fecondarlo in altro.

È un operazione anche liberatoria come se la parola chiave fosse “Matrioska” avente un cordone ombelicale nutriente per ogni concetto legato e collegato ad essa. È sperimentale un nuovo modo e momento dove l’uno si scorpora dando vita ad un seguito pensiero. Ringrazio Stefano Donno per avere utilizzato una lente profondissima, quadridimensionale nel visualizzare nella silloge la parola che rompe e nutre, gravida di senso cosmico, colei che cadenza il nuovo testo aprendo a nuova luce i singoli testi poetici” (Nicola Manicardi)

“LA BALLATA DAL PROFILO BASSO, è Metapoesia come fecondo germinare di una parola altra e come fondazione di un’identità linguistica, e atto performativo poetico di rigenerazione poetica di un medesimo sentire.

In quanto testo scritto da Stefano Donno che è nuova poesia e come poesia vuole essere riconosciuto, secondo una prospettiva ontologica del crearsi e ricrearsi linguisticamente sulla scorta della centralità formale, ritmica e contenutistica del verbo. Il respiro della poesia che aleggia tra poeta e poeta, chiudendo magicamente il circolo della comunicazione e piantando un chiodo sull’asse desiderante del poema.

La metapoesia è la generazione di nuove forme nella poesia

Nominare e rinominare, nella sua funzione di segnale, di riconoscimento ed evocazione linguistica e di spia lessicale che introduce la riflessione non autoreferenziale di poesia sulla poesia. Poesia nella e sulla poesia, poesia che parla di se stessa, poesia doppia, poesia allo specchio, poesia referente, poesia autoreferente, poesia che unisce la poesia come contenuto alla forma. La metapoesia è la generazione di nuove forme nella poesia. La Metapoesia è, se vuoi, un nuovo genere poetico, un nuovo movimento letterario e poetico. Partiamo dunque da questa immediata constatazione.

Poesia di Stefano Donno che chiamiamo METAPOESIA, che nasce dalla Poesia di Donato Di Poce, LAMPI DI VERITA’, riconoscibile a chiunque abbia letto versi qua e là, del ripresentarsi continuo e insistente, che assume davvero l’aspetto singolare dell’ovvietà del non visto nella forma di un poemetto (altra forma prediletta di Di Poce oltre al verso libero e ai poesismi). La metapoesia di Donno, (e nello specifico la metapoesia novecentesca Italiana e l’esperienza Francese dell’OULIPO, con il Novecento secolo di trasformazione, spazio di costruzioni decostruzioni, innovazioni e ricostruzioni poetiche), trova infatti il suo fondamento e radica la necessità di scriversi motivandosi e motivando la propria presenza nel riconoscimento linguistico che diventa elezione morale e poetica.

Un vero e proprio atto performativo, assimilabile al lavoro degli orafi cistercensi e degli scriba, in quanto fatto linguistico ed evento poetico, parola-azione attraverso la quale diventare ciò che si afferma verbalmente, si interpreta, in definitiva e aprendo un’ulteriore prospettiva, alla propria anima nell’anima altrui, spia di un comune sentire nel fare POESIA. (Donato Di Poce)

Info link clicca sui titoli:

A ME CHE SO PERDERE E SOPRASSEDERE (I Quaderni del Bardo Edizioni per Amazon)

La ballata dal profilo basso (I Quaderni del Bardo Edizioni per Amazon)

Ho paura dei poeti (I Quaderni del Bardo Edizioni per Amazon)

Biografia Stefano Donno

Tra i libri … Stefano Donno (1975) si laureato nel 2005 in Filosofia presso l’Università degli Studi di Lecce. Nel febbraio 2013 ha ricevuto una Laurea HC in Juridical Science presso la Moscow University Sancti Nicolai. Ha pubblicato: Sturm and Pulp (Lecce, 1998); Edoardo De Candia, considerazioni inattuali (Lecce, 1999); Se Hank avesse incontrato Anais (Lecce, 1999); Monologo (Copertino, 2001); Sliding Zone (Lecce, 2002); L’Altro Novecento – giovane letteratura salentina dal 1992 al 2004 (San Cesario, 2004); Ieratico Poietico (Nardò, 2008); Dermica per versi (Faloppio, 2009); Mendica Historia (con Sandro Ciurlia, Lecce, 2010); Corpo Mistico (Roma, 2010); Prezzario della rinomata casa del piacere (con Anna Chiriatti, Martignano, 2011); A Sud del Sud dei Santi a cura di Michelangelo Zizzi (Faloppio, 2013), Nerocavo (Copertino, 2014); Breve Commentario alla tavola Smeraldina (Lecce, 2017), A me che so perdere e soprassedere (ebook, 2019), Ho paura dei poeti (ebook, 2019), La ballata dal profilo basso (ebook, 2019)

Nell’Arte – Ha esposto i suoi lavori di energetica mistica nella XIII Giornata del Contemporaneo per AMACI ((Associazione dei Musei d’Arte Contemporanei Italiani) nell’ottobre 2017 presso Overeco Academy and Workshop di Lecce; partecipa con i suoi lavori alla collettiva d’arte contemporanea a cura di Monica Ferrarini a Roma dal titolo “Nothing but Art” a Palazzo Velli Expò (27 settembre/3 ottobre 2017), partecipa con i suoi lavori alla collettiva d’arte contemporanea a cura di Monica Ferrarini a Roma presso Palazzo della Cancelleria Vaticana dal titolo “Immagini s-velate”(2/6 dicembe 2017); partecipa con i suoi lavori alla collettiva d’arte contemporena “Replay/il vizio dell’errore” a Giarre in Sicilia dal 7 al 17 dicembre 2017 a cura di Benedetta Spagnuolo. Dall’11 al 19 gennaio 2018 per la prima volta ha esposto i suoi lavori alla Fondazione Palmieri di Lecce. Partecipa al 38° Concorso d’arte contemporanea on line AD-ART. E’ inserito nell’edizione 2018 del Catalogo nazionale d’arte contemporanea L’Elite 2018 Artitalia Edizioni di Roberto Perdicaro e nell’Agenda degli Artisti 2018 edito dalle edizioni Libreria Bocca di Milano. Nel Maggio 2018 espone la sua prima personale lombarda alla Casa delle Arti – Casa museo Alda Merini e nel luglio 2018 partecipa al “Premio Salento Arte” per l’Arte Contemporanea dove la giuria è presieduta dal Prof.

Carlo Franza, Storico dell’Arte Moderna e Contemporanea e Critico d’Arte de “Il Giornale” (La mostra si è tenuta a Lucugnano – Palazzo Comi)

iQdB edizioni di Stefano Donno (i Quaderni del Bardo Edizioni di Stefano Donno)

Sede Legale e Redazione: Via S. Simone 74 – 73107 Sannicola (LE)

Mail – iquadernidelbardoed@libero.it

Info Link – http://www.iquadernidelbardoedizioni.it/

Potrebbero interessarti anche