Milano, approvato il limite di velocità a 30 km all’ora

La misura sarà valida a partire da gennaio 2024

Il Consiglio comunale ha approvato l’ordine del giorno che prevede che Milano entri nel progetto delle “Città 30”, come succede già a Parigi e Bruxelles dal 2021. Altre città europee stanno introducendo simili piani per ridurre incidenti e diminuire l’impatto ambientale. Al momento le città europee “virtuose” in questo senso sono Graz, Grenoble, Helsinki, Valencia, Zurigo, Lilla, Bilbao. In Italia, l’unica città che ha avviato l’iter per diventare “città 30” finora è stata Bologna.

Il progetto prevede la riduzione di incidenti e morti sulle strade. Di fatto, l’impatto di un veicolo che circola a 50 km orari su un pedone è spesso letale, mentre quello che provoca a 30 km è molto meno grave. Tra l’altro, secondo i dati Aci-Istat, tra le prime cause degli incidenti c’è l’eccesso di velocità. In ambito urbano si registra il 43,9% dei morti e il 67,7% dei feriti.

- Advertisement -

Il documento sottoscritto prevede delle deroghe in alcune strade a grande scorrimento, dove si potrà viaggiare a 50 chilometri orari.

Per preparare le persone al cambiamento è prevista una campagna informativa. L’Amat dovrà predisporre un dossier che spieghi quanto il limite orario di 30 km sia una grande opportunità per tutti.

- Advertisement -

L’opposizione ha votato contro il provvedimento, poiché lo ritiene difficile da rispettare in una grande città. Anche l’Aci di Milano preferirebbe che i limiti fossero circoscritti alle zone dove ci sono scuole, palestre e centri collettivi.