Mondiali 2014: Italia perde contro Costa Rica, l’unica speranza il pareggio con l’Uruguay

italia

Un’Italia irriconoscibile. Così è stata definita la squadra della nostra nazionale in campo nella partita contro il Costa Rica. Un risultato inaspettato, un’umiliazione che l’Italia non doveva permettersi. Più di tutti, sicuro di vincere, era la punta attaccante Mario Balotelli che ha perso due occasioni per segnare una rete che avrebbe potuto modificare l’esito della partita. Colpevole di questo risultato, sicuramente non è soltanto l’attaccante ma tutti i giocatori che rispetto alla prima partita non hanno dato il meglio di sé.

Prandelli ha affrontato la squadra con il modulo sbagliato perché ha lasciato giocatori lenti e stanchi contro una squadra veloce e forte fisicamente, come Thiago Motta e Candreva. Lo stesso Balotelli è stato lasciato solo in attacco contro difensori forti fisicamente che lo hanno sovrastato. Sarebbe stato opportuno iniziare la partita con tre attaccanti veloci e imprevedibili in grado di mettere in difficoltà la difesa avversaria. Da vero campione, Pirlo ha giocato in modo impeccabile ed è l’unica nota positiva di questa partita.

Loading...

In una competizione come il mondiale, e in particolare in un paese così caldo, è preferibile schierare in campo giocatori freschi atleticamente piuttosto che giocatori stanchi e tecnici. Parolo e Verratti, utilizzati poco nella prima partita, sarebbero stati utili per far riposare i più stanchi. Infine, la mancanza di grinta è stata reclamata dai tifosi delusi che non concepiscono questo risultato e non giustificano i calciatori per il cambio climatico. Non ci resta che sperare in un pareggio con l’Uruguay, e la consolazione che l’esito dei Mondiali potrebbe cambiare considerando che l’Italia non vince la seconda partita del Mondiale dal 1998.