Olesya Rostova, il legale di Piera Maggio dice no al “tritacarne mediatico”

Clamore mediatico e poca umanità: come la tv russa sta strumentalizzando il caso di Denise Pipitone

Domani sera, la tv russa svelerà in diretta i risultati del DNA di Olesya Rostova, ma hanno perso troppo tempo e la sensazione del legale di Piera Maggio, Giacomo Frazzitta, è che si sia strumentalizzato il caso per motivi di audience.

L’avvocato ha già fatto sapere che se non gli verranno comunicati i risultati del test, non parteciperà a nessuna trasmissione. “L’accordo era che ci avrebbero fornito informazioni in maniera semplice e veloce. Poi hanno cominciato a perdere tempo e ci hanno chiesto un confronto televisivo”.

- Advertisement -

Piera Maggio ha commentato: “Il dolore di un genitore non si ripaga con il ricatto mediatico. Rimaniamo sempre cauti… Vogliamo certezza e basta”, aveva scritto taggando anche il papà biologico di Denise, Pietro Pulizzi.

Oggi Frazzitta dovrebbe partecipare alla trasmissione via Skype, ma senza Piera Maggio: “Le chiacchiere stanno a zero” ha aggiunto. “Servono i fatti. Senza il gruppo sanguigno non andremo in tv. Olesya sarà in studio, mentre io sarò collegato in diretta. Le chiederò se ricorda i momenti antecedenti all’ingresso in orfanotrofio per provare a ricostruire qualche passaggio. Ma, ripeto, non ci faremo strumentalizzare dalla tv russa. Prima vogliamo i documenti”.

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.