Omar Favaro: dal massacro di Novi Ligure alle accuse per maltrattamenti

Omar Favaro, tristemente 'famoso' in quanto parte della coppia Omar & Erika della strage della famiglia di quest'ultima a Novi Ligure nel 2001, ora rischia il processo per le accuse di maltrattamenti nei confronti della ex moglie

Si arricchisce il curriculum penale di Omar Favaro, oggi 39enne, salito alle cronache e diventato tristemente famoso per aver partecipato nel 2001 all’omicidio della mamma e del fratellino dell’allora fidanzatina, Erika De Nardo.

Probabilmente la mente di ogni italiano alle parole ‘Novi Ligure‘ si ricollega immediatamente a quel fatto drammatico. All’epoca Omar Favaro era solo un sedicenne che, scontata la pena, è tornato ad essere un cittadino libero.

- Advertisement -

Adesso ad accusarlo è la sua ex moglie che ha dichiarato che ci sono stati almeno una ventina di episodi violenti, durante i quali ha temuto per la propria incolumità, nel corso degli anni di convivenza con Omar. Stando a quanto dichiarato dalla ex moglie alle forze dell’ordine, si sono verificate percosse fisiche, violenza psicologica e ripetute minacce di morte. Inoltre, Omar esercitava sulla partner un totale controllo economico e non le consentiva di uscire di casa senza la sua ‘autorizzazione’. E’ arrivato persino minacciato la donna di sfregiarle il volto con l’acido e, in un’altra occasione, di farla finire su una sedia a rotelle.

Il Tribunale del riesame di Torino l’estate scorsa aveva respinto la richiesta di misure restrittive nei confronti di Omar e il suo avvocato aveva definito semplicemente calunniose le accuse mosse dalla ex moglie insinuando che il tutto si inquadrava in una situazione di separazione con conteso affidamento della figlia della coppia.

- Advertisement -

Con questo quadro accusatorio, con ogni probabilità ci sarà un rinvio a giudizio per Favaro che, quindi, dovrà fare ritorno in un’aula di tribunale dopo lo strage compiuta nel 2001.