Omicidio di Pordenone. Assassinio a sangue freddo

th

La coppia formata dalla 30enne Teresa Costanza e dal 29enne Trifone Ragone, che martedì è stata trovata morta nella loro macchina all’ingresso della palestra Skorpion a Pordenone, è stata uccisa a sangue freddo.

A provarlo i rilevamenti balistici effettuati ieri, la Tac che ha riscontrato come nel cranio del ragazzo ci fossero tre pallottole (e non una come si era pensato all’inizio) mentre in quello della ragazza due, e le pallottole sparate da una calibro 7,65 a distanza ravvicinata. I due non hanno avuto neanche il tempo di urlare o accorgersi di quanto stava accadendo. A dare l’allarme è stato un istruttore di judo che uscito dalla palestra ha trovato i finestrini dell’auto rotti e i due corpi riversi sui sedili. A far cadere la pista iniziale dell’omicidio-suicidio è stata anche la mancanza dell’arma nell’autovettura. Inoltre i ragazzi apparivano molto innamorati e orgogliosi dei risultati ottenuti in campo lavorativo. Teresa Costanza si era infatti trasferita da un anno da Milano, dove aveva frequentato la Bocconi, a Pordenone per lavorare nella compagnia assicurativa Zurich. Trifone Ragone invece era sottufficiale dell’Esercito in servizio nel 132/o Reggimento Carri di Cordenons.

Loading...

Resta da scoprire il movente che ha portato qualcuno ad uccidere due ragazzi apparentemente normali e senza precedenti. Intanto l’autopsia sui due cadaveri è prevista per venerdì.

Amo scrivere di teatro, estrapolare ogni minimo significato da ciò che l'artista compie sul palco, analizzare le sfumature dei gesti e della mimica per poterla regalare al lettore. "Teatro significa vivere sul serio quello che gli altri, nella vita, recitano male." Eduardo De Filippo