Ottimizzare il nostro magazzino: la giusta mossa per i nostri affari

La corretta organizzazione del magazzino incide sulla produttività aziendale

Le commesse tornano e noi siamo forse un po’ fuori fase? Gli affari ricominciano a macinare ma ci rendiamo conto di non riuscire a stare dietro alle cose come una volta? Forse la responsabilità è di un magazzino di cui abbiamo un po’ perso in polso, durante questi ultimi due durissimi anni. Ecco allora che dovremmo tornare a metterci mano, perché un magazzino organizzato a puntino è il cuore logistico pulsante di una ditta che non teme rivali.

Come organizzarlo? E soprattutto: come organizzarlo a regola d’arte? Nelle prossime righe cerchiamo di scoprire qualche trucco per meglio ottimizzare il nostro locale adibito allo stoccaggio merci, grazie a scaffalature metalliche, tecniche di immagazzinamento e molto altro!

- Advertisement -

I GIUSTI SCAFFALI: COMODITÀ E SICUREZZA


Quali sono le qualità dello scaffale perfetto? Prima di tutto, il materiale: evitare il legno, troppo soggetto alle magagne del tempo, è una buona regola. Affidarsi a scaffalature metalliche sarebbe il top: sia che cerchiate scaffalature cantilever, sia che gli scaffali di vostra utilità siano quelli con classiche mensole, ecco che il metallo, forte e resistente, capace di stoccare fino a 400 kg di materiale su ogni livello, potrebbe essere ciò che fa al caso vostro. Non solo: queste scaffalature sono anche regolabili e acquistabili con diverse profondità, per adattarsi anche a magazzini non proprio spaziosissimi.
Oltre a questo, ricordate di lasciare il giusto spazio tra uno scaffale e l’altro: sia per una questione di sicurezza quando vi si passi in mezzo con muletti o altri strumenti, sia per la comodità della ricerca del giusto articolo.

COME STOCCARE LA NOSTRA MERCE?


A questo riguardo, forse già sappiamo che esistono due scuole di pensiero: la FIFO  e la LIFO.

- Advertisement -

Sono acronimi che derivano dall’inglese e significano rispettivamente “first in first out” e “last in first out”.

Il primo sistema si sostanzia nel far uscire dal magazzino i primi articoli che vi sono stati stoccati, nel secondo, invece, gli ultimi pezzi sono i primi a lasciare gli scaffali. Ovviamente, se la vostra merce è deperibile (in qualsiasi modo, non necessariamente deve essere alimentare, ad esempio, per rischiare il deperimento causato dal tempo), il metodo che vi consigliamo è il FIFO: far uscire dal magazzino la merce più vecchia, per avere sempre merce recente sugli scaffali dovrebbe essere una buona norma.

- Advertisement -

Insomma, comodità, sicurezza e metodo: questi sono i segreti di un comparto di stoccaggio efficiente, all’interno del quale sia semplice trovare la merce che cerchiamo, che ci viene ordinata o che dobbiamo trasportare da un magazzino all’altro. Dobbiamo essere organizzati per risparmiare più tempo possibile, perché il tempo davvero è denaro, ma non possiamo mettere a rischio la sicurezza nostra o dei nostri operai: ecco quindi che le scaffalature dovranno essere super resistenti e durature, anche per non dover spendere altri soldi domani perché troppo pochi ne abbiamo spesi oggi (conoscete il vecchio adagio “chi meno spende, più spende“?).

Speriamo di avervi dato dei consigli utili per quanto concerne il vostro locale di stoccaggio e confidiamo nella saggezza che le buone idee portano con sé!

Lorita Russo
Lorita Russo
Social media specialist, Seo Specialist, specializzata in tecnologia, scienza e cucina. Sono un influencer e reviewer, amante della lettura umanistica e dei problemi sociali. Ho un sito di cucina Facili idee e il gruppo Facebook che conta ben 150 mila follower