“Paestum Inside”: gli appuntamenti del 2018 al Parco Archeologico

Novità e conferme per la prossima stagione del sito patrimonio dell'UNESCO. Cinquanta anni dalla scoperta della famosa Tomba del Tuffatore, mostra e convegno internazionale per l'occasione

“Paestum Inside”: gli appuntamenti del 2018 al Parco Archeologico

Il Parco Archeologico di Paestum è pronto per gli eventi del 2018. L’anno prossimo lo slogan guida di tutti gli appuntamenti sarà “Paestum Inside”. La scelta non è casuale, perché i visitatori di Paestum non solo possono visitare i famosi templi e i depositi, ma ogni volta rimangono anche affascinati dalla bellezza del sito nel profondo dell’anima.

Le conferme e le novità

L’evento centrale della prossima stagione culturale sarà la Tomba del Tuffatore. L’unica testimonianza della pittura greca a grandi dimensioni precedente al IV secolo a.C. (480/470 a.C. circa) con un giovane nudo che si tuffa nell’oceano, probabilmente un’immagine metaforica del passaggio dalla vita alla morte. La tomba, che prende il nome dall’affresco, è stata scoperta nel 1968 a due chilometri a sud di Paestum. Per l’anniversario dei 50 anni dal ritrovamento sarà allestita una mostra, che si inaugurerà il 3 giugno, e si terrà un convegno internazionale dal 4 al 6 ottobre.

Nei week-end dei mesi di luglio e agosto ritorneranno le aperture straordinarie dei templi fino a mezzanotte con “Paestum by night” e la rassegna di musica e danza “Heraia – musica al templi” ogni venerdì nei pressi del tempio di Nettuno.

Loading...

Si riconferma, poi, nella prima domenica del mese con l’ingresso gratuito per tutti, l’appuntamento con il “Sentiero degli Argonauti” e le passeggiate dal tempio di Athena al mare con la guida di Legambiente.

Ogni seconda domenica del mese, da marzo a dicembre, visite guidate con “Paestum per tutti“. Grazie ad un percorso senza barriere architettoniche, si potrà entrare all’interno della Basilica, il tempio più antico di Paestum e l’unico nel Mediterraneo accessibile a tutti.

Da marzo ad agosto, ogni venerdì, invece si apriranno le porte dei depositi con visite guidate in italiano e inglese.

Nei mesi di marzo, maggio e settembre, nuovamente  in programma i “Giorni romani di Paestum“. Incontri all’insegna di rievocazioni storiche possibili grazie alla collaborazione delle associazioni del territorio.

Novità di quest’anno è l’iniziativa “Family Lab”: ogni prima e terza domenica del mese tutta la famiglia potrà essere coinvolta in divertenti itinerari per esplorare diverse parti del Museo e scoprire l’antica città di Paestum.

Le parole del direttore Gabriel Zuchtriegel

“Fare il secondo programma annuale era la vera sfida – ha dichiarato Gabriel Zuchtriegel, direttore del Parco Archeologico di Paestum – abbiamo dimostrato che manteniamo le promesse, e  quando le cose funzionano, diventano per noi un modello. Un altro passo verso quello che dovrebbe essere la normalità in un sito UNESCO quale è Paestum”.

La BMTA a Paestum

Ed è sempre Paestum che in questi giorni sta ospitando la XX edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico inaugurata ieri e che si terrà fino al 29 ottobre. Evento sede dell’unico salone espositivo al mondo del patrimonio archeologico e di ArcheoVirtual (mostra internazionale di tecnologie multimediali e interattive) e luogo di approfondimento e divulgazione di temi dedicati al patrimonio culturale. E’ un’occasione di incontro per gli addetti ai lavori, per gli operatori turistici e culturali, per i viaggiatori e per gli appassionati. Un format di successo testimoniato dalle prestigiose collaborazioni di organismi internazionali quali UNESCO, UNWTO e ICCROM, oltre che da circa 10.000 visitatori, 120 espositori con 25 Paesi esteri, 70 tra conferenze e incontri, 300 relatori, 100 operatori dell’offerta, 100 giornalisti.

Tra le tante attività oggi nel Museo Archeologico di Paestum, alle 16.30,  è stato presentato il progetto “Sistema Unesco” a cura della Direzione Generale per le politiche culturali e il turismo della Regione Campania. L’obiettivo è costituire un sistema territoriale unitario per la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio materiale e immateriale. Sono intervenuti alla presentazione il segretario generale del MIBACT, Carla Di Francesco, i direttori e i soprintendenti dei poli museali della Campania, l’assessore al Turismo, Corrado Matera, e il direttore generale per le Politiche Culturali ed il Turismo della Regione, Rosanna Romano.