A Pal.Reale una mostra sull’arte all’ epoca dei Visconti e degli Sforza.

Arte-lombarda-dai-Visconti-agli-Sforza-Palazzo-Reale-Milano-15

Dai primi del Trecento agli inizi del Cinquecento  l’arte lombarda della Signoria dei Visconti e quella degli Sforza, fino all’arrivo dei Francesi: questo intende raccontarci la mostra esposta fino al 28 giugno ’15, che è stata allestita proprio nelle sale risanate di Pal. Reale, dopo i bombardamenti del’43, durante la Seconda Guerra Mondiale.

Arte-lombarda-dai-Visconti-agli-Sforza-Palazzo-Reale-Milano-17

Loading...

 

Si tratta di duecentocinquanta opere che sono state selezionate per aiutare a comprendere la vita quotidiana nella signoria del Ducato di Milano, attraverso il valore e la bellezza artistica dei singoli oggetti e delle opere di pittura e scultura.
La mostra, che segue, dopo quella di Bramante a Brera, è stata sostenuta dal Comune di Milano, dalla Pinacoteca di Brera e da Skira editore.

A Milano in quell’epoca lavorarono i più grandi artisti e talenti della storia mondiale dell’arte, a cominciare da Giotto per proseguire con Bramante e Leonardo da Vinci, che qui rappresenta solo un anticipo della mostra che gli sarà dedicata da metà aprile.

Arte-lombarda-dai-Visconti-agli-Sforza-Palazzo-Reale-Milano-07

L’attuale esposizione è il frutto di più di cinquant’anni di studi nei settori più vari. Sono state esposte preziose opere della pittura, scultura, oreficeria, ricamo, libri miniati e vetrate, prestiti che provengono da musei di tutto il mondo. Questo periodo è  considerato “l’Eta’ dell’Oro” del Ducato di Milano, culminante con l’avvento di Ludovico il Moro.

Arte-lombarda-dai-Visconti-agli-Sforza-Palazzo-Reale-Milano-06

 

Tra gli altri artisti più noti si riconoscono il Pisanello,Gentile da Fabriano, il Bergognone, per arrivare ai Leonardeschi Boltraffio de Predis e Zenale. A loro appartengono pregevoli dipinti di Madonne, ritratti di signori dell’epoca, come la dama rinascimentale su sfondo d’oro e molti altri, statue e busti...  Tra i più incantevoli vi è un bassorilievo della Madonna che allatta, dai lieamenti sorprendentemente puri e dolci.

La mostra pone in rilievo il ruolo che il Ducato ebbe nel mecenatismo delle arti, che infatti raggiunsero l’apice.

Grazia Paganuzzi