Palazzo Dagnino e il suo carismatico passato

una sorpresa nel cuore del centro storico

Nell’affascinante Piazza Marina di Palermo sorge un imponente costruzione simile ad un palcoscenico.

Palermo è la capitale del Mediterraneo ed ricca di chiese, monumenti e di antiche dimore nobiliari di notevole valenza storica. Queste raccontano la storia di chi le ha abitate e quella della città. Alcuni di questi palazzi sono residenze private, altre sono musei o luoghi di incontri, conferenze e arte, altri ancora sedi della regione o del comune.

Girovagando tra le vie e i vicoletti di Palermo è facile imbattersi in palazzi più o meno curati e restaurati. Ecco perché il Palazzo Dagnino che sorge sulla pittoresca Piazza Marina suscita gran interesse e curiosità tra i turisti.

Praticamente ad angolo con via IV Aprile, tutt’oggi erge un importante palazzo dalla facciata simile a una scena teatrale ma in pietra. Sono due le figure di talamoni, ai lati del lungo e sinuoso balcone d’onore, sostengono alcuni medaglioni classici in stucco. Ai lati del portale due nicchie con statue (oggi non più presenti).

Era stato edificato da Francesco Paolo Notarbartolo Giacchetto, e poco dopo divenne Duca di Villarosa. La famiglia Notarbartolo, nel XVI secolo, era composta da ricchi mercanti di grano possessori di vari feudi nell’ennese.

Palazzo grandioso è quello del Duca di Villarosa che volle costruire nella ‘pianura’ di Piazza Marina ove sorgevano varie dimore del Collegio dei Gesuiti. Per via del trasferimento dei Villarosa nella costruzione più moderna dei Quattro Canti di Campagna (sita in via Stabile). La proprietà passò poi nelle mani del Marchese Giuseppe Greco che la trasformò in albergo di lusso: l’Albion Hotel. Tra gli ospiti che furono accolti all’Albion vi fu anche il Re di Baviera con il seguito della sua famiglia.

Nel 1859 tornò alla funzione di residenza signorile, fin quando la proprietà fu suddivisa fra diversi eredi. Nel 1874 la famiglia Salvo fece ricostruire l’unità dell’edificio decidendo di trasformarlo nuovamente in hotel. Poco dopo riaprì col nome ‘Albergo d’Italia‘.

Maria Carola Leone
Maria Carola Leone, classe 1990. Laureata in Lingue e Letterature Moderne dell'Occidente e dell'Oriente - Curriculum orientale (Arabo, Ebraico e Francese) con votazione 110/110 e lode. Parlo correttamente 5 lingue: inglese, francese, spagnolo, arabo ed ebraico. Da sempre sostenitrice dell'arte e della cultura intraprende il suo percorso da culture-teller a 11 anni quando pubblica il suo primo articolo giornalistico sul quotidiano 'La Sicilia'. Continua a scrivere fino a quando nel 2012 entra a far parte della condotta Slow Food 570 diventando Responsabile dei Progetti educativi, editoriali e culturali collaborando attivamente e con serietà al progetto. Nello stesso periodo, oltre a continuare gli studi accademici, si occupa di giornalismo ricoprendo il ruolo di Caporedattore per la rivista online 'Sicilia del Gusto' e inizia sempre nello stesso periodo la carriera di speaker radiofonica. Proprio quest'ultima riscuote molto successo nel territorio palermitano, l'appuntamento domenicale (dalle 10.00 alle 11.00) viene apprezzato anche sul territorio nazionale ed internazionale in streaming. Successivamente collabora per riviste culturali siciliane, redige prefazioni di libri, si occupa di traduzione e interpretariato per enti privati e ultima gli studi accademici nel marzo 2017. Prosegue con successo la sua attività radiofonica collaborando per una Web Radio Romana, divenendo anche Responsabile dell'Ufficio Stampa, caporedattrice della Radio assumento un ruolo dirigenziale. Attualmente è candidata nella 'Categoria Speaker Femminili' al Web Radio Festival. Dal mese di settembre 2017 ha aperto un canale su Youtube di viaggi in cui racconta le bellezze artistico-culturali ed enogastronomiche italiane con un ampio focus sulla sua terra: la Sicilia.
Potrebbero interessarti anche